Riforma IRPEF, addio ai bonus: ecco quali sono a rischio cancellazione

Il ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco ha riferito che con l’approvazione della Riforma IRPEF saranno cancellati vari bonus

Debiti col Fisco
Pixabay

Tutti i bonus e le agevolazioni che ci hanno accompagnato fino a questo momento sono a rischio taglio in vista della riforma IRPEF 2021. La riforma prevede infatti il taglio delle spese e delle tasse.

A riferire il tutto è stato il ministro dell’Economia Daniele Franco durante l’audizione del 22 luglio alle Commissioni Finanze di Camera e Senato. Entro la fine di questo mese dovrebbe essere presentata la legge delega. Ma vediamo subito quali sono i bonus a rischio taglio.

Leggi anche: Pensioni, disponibile il nuovo calendario di Agosto 2021 con le ultime novità

Riforma IRPEF 2021, i bonus a rischio taglio

(pixabay)

A causa dell’emergenza Covid sono stati emessi dal Governo un sacco di bonus per aiutare i cittadini svantaggiati. Le spese dello Stato sostenute per reggere tutti i bonus bonus, agevolazioni e affini, ammonta circa a 68 miliardi di euro, a fronte di circa 602 programmi attivi.

La Riforma IRPEF si pone come obiettivo quello di effettuare dei tagli riguardo ai bonus esistenti, oltre a revisionare la spesa fiscale e attuare una vasta semplificazione generale. Ovviamente i bonus che saranno tagliati saranno scelti dal Governo in base ad una attenta analisi.

Quest’analisi comprende la verifica degli obiettivi iniziali e quelli effettivamente raggiunti. Si vedrà quali erano le finalità originarie e se tali finalità sono ancora valide e si valuteranno gli effetti economici e distributivi.

Leggi anche: Bonus Imu approvato nel nuovo Decreto Sostegni Bis: chi può richiederlo

Tra le ipotesi si pensa a tagliare i bonus di agevolazioni sui consumi di energia tradizionali, in coerenza con gli interventi volti a stimolare stili di vita più green. Inoltre si prevede la cancellazione del bonus di 80-100 euro in busta paga, a patto però che vi sia una riduzione consistente dell’IRPEF sui redditi da lavoro.