Bancomat, se prelevi questa cifra può costarti molto caro

Prelievi bancomat pericolosi. Gli utenti di diversi istituti di credito devono fare massima attenzione se prelevano questa cifra potrebbe costargli molto caro.

Prelievi bancomat
Pixabay

Importanti novità in vista per quanto concerne i prelievi bancomat. Molto presto ci saranno cambiamenti in merito a commissioni e prelievi. Utilizzare il bancomat per prelevare soldi dai nostri conti o dalle nostre carte è diventata un’abitudine per tutti. Negli ultimi anni i Governi di diverse nazioni hanno lavorato per limitare al massimo l’uso del contante, per rendere le transazioni tracciabili e sempre più sicure. Una tendenza che porterà con sé diverse novità non solo nelle nostre abitudini ma anche in termini di spese e costi di gestione.

Per effettuare l’operazione di prelievo del contante in molti casi è richiesto il pagamento di una piccola percentuale o di una quota fissa. Proprio su questo aspetto presto alcuni istituti di credito potrebbero introdurre particolari novità. Andiamo a scoprire nel dettaglio di cosa si tratta.

Leggi anche: Diventa ricco con una giocata da pochi euro: vincita clamorosa

Bancomat: attenzione se prelevi questa cifra

bonus bancomat
Bancomat (Foto Pixabay)

Diversi istituti di credito, tra i quali Ing, hanno annunciato che a partire da luglio di questo anno i loro clienti dovranno dire addio ai prelievi bancomat. In realtà il gruppo bancario neerlandese si appresta a chiudere le filiali e per questo motivo per quanto concerne i prelievi si appoggerà ad altri istituti di credito.

Leggi anche: Vacanze da sogno per Chiara Ferragni e Fedez. Ecco quanto hanno speso

Questo, però, comporterà una modifica anche delle condizioni per prelevare contante dal bancomat. I clienti, quindi, saranno esentati dal pagamento del servizio qualora eseguano un prelievo superiore ai 50 euro; mentre sarà di 50 centesimi se il ritiro sarà inferiore. Sarà, invece, di 75 centesimi la quota fissa presso tutti gli sportelli bancomat d’Italia per i clienti che hanno aperto un conto dopo il 2018.