Bonus bancomat, 320 euro per tutti. Come richiederli

In arrivo un interessantissimo bonus bancomat per gli italiani. Si tratta di 320 euro disponibili per tutti. Andiamo a scoprire come richiederli.

Bonus bancomat
Pixabay

Il Governo Draghi sta lavorando ormai da diverse settimane per trovare le giuste misure per sostenere le famiglie italiane in difficoltà a causa dell’emergenza economica strettamente connessa a quella sanitaria. Tra queste spicca il bonus bancomat. Nello specifico questa ha anche una ulteriore valenza ovvero mira a limitare al massimo la circolazione dei contanti e di conseguenza l’evasione fiscale.

A partire dal 1° luglio, infatti, il limite del 30% è stato portato al 100% per quel che riguarda il credito di imposta riconosciuto in caso di pagamenti non in contanti. Un passaggio estremamente importanti e che porterà indubbi vantaggi. Ma andiamo a scoprire nel dettaglio cosa accadrà e cosa cambierà e soprattutto come gli italiani potranno ottenere i 320 euro messi a disposizione dal Governo attraverso il bonus bancomat.

Leggi anche: Wimbledon, Berrettini-Auger-Aliassime: quanto guadagna chi arriva in semifinale?

Bonus bancomat: come ottenere i 320 euro

Bonus Decreto Sostegni
Banconote (Pixabay)

Come detto in precedenza c’è stato l’incremento della percentuale per quanto concerne il credito di imposta per i pagamenti effettuati con carta di credito o comunque non attraverso i contati. Proprio attraverso il bonus bancomat è possibile ottenere, attraverso il credito d’imposta,  fino ad un massimo di 160 euro per soggetto.

Ma non è finita qui. C’è la possibilità di ottenere ben 320 euro. E’ stato introdotto un doppio credito di imposta in favore di tutti quegli imprenditori che decidono di dotarsi degli strumenti necessari per poter consentire ai consumatori finali di effettuare tutti i pagamenti che desiderano mediante un sistema elettronico.

Leggi anche: Titanic, è possibile visitarlo. Quanto costa l’escursione in fondo all’Atlantico

In questo caso il credito di imposta ottenibile, come detto, sarà di 320 euro. Ricordiamo, inoltre, che non concorreranno in alcun modo alla formazione del reddito legato allo stesso beneficiario