La Bce punta sulla moneta digitale, in concorrenza con Cina e Fb

La moneta digitale è la novità degli ultimi anni. In alcuni paesi è sperimentata dalle banche centrali. La Bce presenta il proprio modello

moneta digitale
(pixabay)

La moneta digitale, o virtuale, prende piede nella circolazione dell’economia globale. Grazie a questo modello finanziario, l’acquisto di prodotti è più rapido e non c’è bisogno di riferirsi ad un istituto di credito fisico.

La Cina già dal 2013 sta lavorando al progetto dello yuan digitale, che da qualche mese è entrato nella fase di sperimentazione. Anche Facebook spinge per proporre una propria moneta virtuale, che potrebbe avere successo, dato che l’azienda di Zuckerberg può contare su oltre 3 miliardi di utenti. In recenti dichiarazioni, il capogruppo della Diem (la valuta digitale creata da Fb) ha annunciato che il progetto è pronto per essere lanciato sul mercato, al servizio delle banche europee che devono accorciare le distanze con la Cina.

Leggi anche: iOS 14, gli hacker hanno trovato il modo di bucarlo

Bce, nei prossimi anni si avrà una moneta virtuale direttamente dalla Banca Europea

smartphone
(pixabay)

La Banca Centrale Europea non accetterà l’offerta di Facebook. Gli economisti sono al lavoro per sviluppare un progetto di valuta digitale autonoma. Fabio Panetta, dell’esecutivo della Bce, è il capofila del programma. Nel giro di qualche anno i cittadini potranno aprire un piccolo conto direttamente presso la Banca Europea. Questo permetterebbe di fare acquisti online attraverso lo smartphone o con una modalità simile alla carta di credito.

Leggi anche: Il turismo spaziale è diventato realtà grazie a Unity 22

Panetta assicura che il denaro fisico non sparirà, ci sarà la possibilità di scegliere la valuta preferita. Nel frattempo il progetto si propone di diventare operativo quanto prima, per non rischiare di soccombere sotto la concorrenza cinese e di Facebook.