Avete questa cifra sul conto corrente? Attenti al rischio beffa  

Come perdere 350 euro l’anno solo per le spese di conto corrente ed il bollo. L’accumulo di denaro sul conto non è conveniente

soldi
(pixabay)

I conti correnti bancari costano al risparmiatore parecchi euro l’anno, dipendentemente dal tipo di contratto che si è stipulato con la banca. L’abitudine di trattenere parecchia liquidità sul conto corrente, secondo gli esperti, non è vantaggiosa.

I correntisti poco inclini ad entrare nel mercato degli investimenti mantengono sul conto la totalità della retribuzione, ma con il salire della cifra, aumentano anche i costi fissi. Il sito proiezionidiborsa.it, attraverso i propri esperti, mostra come si possono avere 20.000 euro sul conto e perderne 350 l’anno.

Leggi anche: Cashback, può succedere entro agosto: attenti ai 1.500€

Come avere molti soldi sul conto corrente e perderne una quota ogni anno

(Pixabay)

Per iniziare ci sono le commissioni sul conto corrente, pattuite con la banca. Si consiglia di privilegiare le notifiche tramite posta elettronica o app, il saldo e le documentazioni obbligatorie inviate periodicamente tramite posta ordinaria hanno dei costi a carico del correntista. Secondo una stima di Banca d’Italia, i costi fissi sul conto corrente oscillano tra i 21,40 euro a 88,5 euro annuali.

A seguire c’è l’imposta di bollo. E’ una tassa dovuta per tutti i conti correnti che superino la liquidità di 5.000 euro annui. L’importo dell’imposta è 34,2 euro annui.

Il peso maggiore sul conto corrente è l’inflazione, ovvero la svalutazione del denaro. I soldi perdono valore d’acquisto. Ad esempio, nel caso in cui l’inflazione fosse all’1%, per un ipotetico conto di 20.000 euro si perderebbero 200 euro l’anno in termini di potere d’acquisto. Il tasso d’inflazione stimato per giugno 2021 è dell’1,3%. Cumulando le tre voci di spesa qui esposte, un conto di 20.000 euro costa al correntista circa 350 euro annui.

Leggi anche: Pensioni, la svolta: cambiano gli importi, la nuova proposta Inps

Per questo motivo gli esperti consigliano di investire il proprio denaro in rendite finanziarie a medio o lungo termine. Gli impiegati del proprio istituto di credito possono fornire informazioni e suggerimenti sull’investimento più adatto al correntista.