INPS, aumento del massimale contributivo: ecco chi ne beneficia

Tutti i lavoratori afferenti al mondo dello spettacolo avranno un aumento del massimale contributivo giornaliero a 100 euro

(Pixabay)

Novità per tutti i lavoratori che fanno parte del mondo dello spettacolo: l’INPS ha reso noto che aumenterà a 100 euro il massimale contributivo giornaliero.

Il comparto dello spettacolo è stato infatti tra quelli più colpiti dalla crisi economica portata dal Covid-19 ma adesso per tutti i lavoratori arriva questa importante novità che riguarda l’innalzamento dei contributi per malattia e maternità.

Leggi anche: Fisco, nuovi servizi online per i cittadini: cosa cambia sulle tasse

INPS, aumento del massimale contributivo giornaliero

(Pixabay)

L’INPS ha reso nota questa nuova disposizione attraverso il Messaggio n. 2563 dello scorso 9 luglio e pubblicata sul relativo sito istituzionale. I lavoratori destinatari dell’aumento sono coloro che sono iscritti al Fondo Pensioni Lavoratori dello Spettacolo (FPLS) e i titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o di contratto di lavoro autonomo o a prestazione.

La materia della revisione riguarda invece i contributi di finanziamento dell’indennità economica di malattia e di finanziamento dell’indennità economica di maternità.

Per mezzo di questa misura si è disposto l’innalzamento del massimale contributivo giornaliero che passa dalla vecchia soglia dei 67,14 euro, agli attuali 100 euro, con un rialzo del 48,94%. 

Leggi anche: Pensioni del futuro a due fasi? Parla il presidente dell’Inps: cos’è successo

Con l’aumento da parte dell’INPS del massimale contributivo giornaliero a 100 euro di questi fortunati lavoratori, i datori di lavoro dovranno dunque adeguarsi. A partire dai periodi di competenza giugno 2021 i datori di lavoro o committenti dovranno riferirsi a questo nuovo importo del massimale giornaliero.

Pertanto, 100 euro sarà il nuovo riferimento nell’assolvimento degli adempimenti contributivi relativi all’assicurazione economica di malattia e maternità.