SuperEnalotto: vincita galattica ma c’è un imprevisto inaspettato

C’è chi cerca la vincita al SuperEnalotto per anni e chi viene baciato dalla Dea Bendata ma sbaglia tutto. Andiamo a scoprire cos’è successo in Italia.

superenalotto
screenshot Instagram

Ad ogni estrazione sono tantissimi gli italiani che vanno a caccia al “6”. Il jackpot milionario fa gola a tutti coloro i quali decidono di giocare al SuperEnalotto. La maggior parte dei giocatori inseguono per anni una vincita che sia quella che cambierebbe per sempre la loro vita o solo quella che potrebbe regalargli qualche gioia.

Ricordiamo infatti che oltre al “6” sono molto interessante anche le vincite garantite dal “5+1” e del “5”. Anche per questo però le percentuali di vincita sono molto basse e riuscire a centrarle è cosa tutt’altro che semplice. A volte, però, c’è chi ci riesce ma finisce per complicarsi la vita da solo. E’ proprio quello che è accaduto al protagonista della storia che vi stiamo per raccontare.

Leggi anche: 9 luglio 2006, Italia campione del Mondo. Cosa fanno oggi gli azzurri?

SuperEnalotto: vincita galattica, poi l’imprevisto

superenalotto
Screenshot Instagram

Lo scorso 17 aprile, per il concorso numero 46 del SuperEnalotto, presso il punto vendita Sisal Emmebi di Ballarin Alma, a Poiano, frazione di Verona, è stato centrato una clamorosa vincita da oltre 64mila euro. Con una giocata di 7 euro, realizzando due “5” da 31.275,81 euro euro ciascuno e cinque “4” da 321,37 euro ciascuno.

Un vincita che certamente non cambierà la vita del fortunato ma gli consentirà di farsi qualche regalo. A questo punto vi starete chiedendo qual è il problema? La risposta è molto semplice: il fortunato non ha ancora riscosso la vincita e il tempo sta per scadere.

Leggi anche: Ginevra Pisani conduttrice de “Il pranzo è servito”, Cosa faceva prima?

Ricordiamo, infatti, che il tempo massimo per poter riscuotere la vincita al SuperEnalotto è di 90 giorni, quindi mancano solo 6 giorni alla fatidica data del 16 luglio ultima utile per incassare il bottino.