Nuovo bonus bancomat da oltre 300€: chi può richiederlo

Grossa novità introdotta dal governo in alternativa al cashback: si tratta del bonus bancomat, un nuovo incentivo per una categoria in particolare. Ecco chi può richiederlo  

(pixabay)

Parallelamente allo stop del cashback, il governo ha approvato un nuovo incentivo per quanto concerne i pagamenti digitali. Si tratta del bonus bancomat riconosciuto meglio come bonus pos, il quale è indirizzato ai commercianti affinché anche loro continuino ad adattarsi ai pagamenti digitali andando incontro però per quanto riguarda i costi.

Motivo per cui, tale incentivo, introduce crediti di imposta per quanto riguarda acquisto o noleggio per lo strumento necessario per i pagamenti con carta. Tale credito oscilla dal 30 al 100% in base ad alcune situazione specifiche. Inoltre è previsto il totale azzeramento delle commissioni per chi vi aderirà.

Bonus bancomat, credito di imposta per i commercianti

Nuova Postepay
Pagamento carta (Foto Pixabay)

Il tetto massimo ottenibile è 160 euro da una parte e 320 dall’altra. Il primo riguarda per chi vi aderirà in maniera standard all’iniziativa, mentre la seconda cifra è attribuibile a chi deciderà di acquistare o noleggiare pos ancor più avanzati che permettono anche la memorizzazione elettronica dei pagamenti e la trasmissione in modalità telematica.

Il credito d’imposta per il primo caso sarà il seguente:

  • 10% importo speso: per quanti abbiano ricavi compresi tra 1 e 5 milioni di euro
  • 40% importo speso: per quanti abbiano ricavi compresi tra i 200.000 ed 1 milione di euro
  • 70% importo speso: per quanti abbiano ricavi inferiori ai 200.000 euro

Leggi anche: Truffa banca, è allarme: questo messaggio vi svuota il conto

Per il secondo, relativo ai 320 euro, è invece questo:

  • 40% per i soggetti che hanno conseguito ricavi compresi tra 2 milioni di euro e 5 milioni di euro;
  • 70% per i soggetti che hanno conseguito ricavi compresi tra 200.000 e 1 milione di euro;
  • 100% per i soggetti che hanno conseguito ricavi entro i 200 mila euro e fino a 5 milioni di euro.