Stangata cashback: ecco come i soldi verranno restituiti

Cashback choc: emerge un retroscena inquietante a proposito della misura introdotta dal governo Conte. Ecco di cosa si tratta 

(Getty)

I soldi del cashback, in qualche modo, rientreranno dritti nelle casse dello Stato. A illustrare uno scenario piuttosto inquietante è stata Veronica De Romanis, esperta di economia e membro in passato del Consiglio degli esperti presso il Ministero dell’Economia e delle finanze, ieri in diretta a La 7.

Secondo quanto illustrato dalla donna, c’è infatti un importante retroscena dietro questa misura per la quale non solo non ci sono riscontri concreti a distanza di 7 mesi ma lascerà anche un segno importante nel futuro: “Bisogna spiegarla tutta la storia a livello macro-economico”, ha infatti evidenziato. Ma andiamo con ordine: “Il problema è capire innanzitutto a chi avvantaggia tale misura”. 

Cashback, il retroscena inquietante di Veronica De Romanis

Foto Pixabay

Un intervento che sin dall’inizio – rivela l’esperta – non ha dato ampie garanzie: “Quando il governo ha introdotto questa iniziativa, i ministri l’hanno avallata come atto di fede perché non sono stati resi noti i dati di tale iniziativa. Quanti consumi si sarebbero fatti anche in assenza del cashback? Non è stato dimostrato. Conosciamo i consumi attuali, ma non quanto avremmo senza il cashback. Sappiamo se effettivamente tale incentivo ha aiutato? Una misura simile avrebbe richiesto dei dati”.

Leggi anche: Cashback, è confermato: ecco chi ha vinto i 1.500€ 

Nata per la lotta all’evasione fiscale, secondo la De Romanis tale mossa graverà direttamente sulle generazioni future: “Se da una parte c’è una piccola risposta positiva sull’evasione, dall’altra bisogna capire quanto ci costerà questa misura. L’aspetto drammatico è che in questo caso, poiché è tutto finanziato con debito, saranno i giovani di domani”.

Leggi anche: Bonifico da conto corrente? Attenti a questa brutta sorpresa

E si parla di una cifra non indifferente, considerando che ha dovuto rimborsare milioni e milioni di italiani: “Quelli che oggi non votano e che non hanno potuto scegliere su tale misura. Quindi per me questo programma è stato sbagliato sbagliato perché costare moltissimo, oltre 4.7 miliardi, ma verrà pagata dalle persone che sono più penalizzate oggi”.