Iscro, ecco cos’è la nuova indennità Inps e chi può richiederla

Arriva la nuova indennità Iscro per lavoratori autonomi e liberi professionisti. Ecco chi può richiederla e come

(pixabay)

A partire dalla giornata di ieri è aperta la procedura online per richiedere il nuovo ammortizzatore sociale dedicato a lavoratori autonomi e liberi professionisti: l‘Iscro.

L’Inps ha reso noto che l’importo dell’Iscro è compreso tra i 250 agli 800 euro. La misura rientra, in via sperimentale, per il triennio 2021-2023 dalla legge di Bilancio 2021 in favore degli iscritti alla Gestione Separata che esercitano per professione abituale attività di lavoro autonomo, inclusi i partecipanti agli studi associati o a società semplici.

Leggi anche: Truffa informatica, il volto di Draghi per sottrarre soldi online

Iscro, come funziona e chi può richiederla

(pixabay)

L’indennità di sei mensilità può essere richiesta una sola volta nel triennio 2021-2023 e decorre dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda.

Attraverso la circolare n.94 del 30 giugno, l’Inps ha fornito le istruzioni su come fare richiesta e ottenere l’indennità per autonomi e professionisti. L’importo è calcolato sul 25%, su base semestrale, dell’ultimo reddito da lavoro autonomo certificato dall’Agenzia delle Entrate. L’importo mensile non può essere inferiore a 250 euro e non può superare gli 800 euro.

C’è da sottolineare che l’erogazione dell’indennità Iscro richiede la partecipazione dei beneficiari a percorsi di aggiornamento professionale i cui criteri saranno definiti da un apposito decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Leggi anche: La banconota da 20€ ha questo segno? Allora vale una fortuna

Chi volesse fare domanda per l’Iscro potrà farla in via telematica entro il 31 ottobre del 2021,2022 e 2023 utilizzando i canali a disposizione dei cittadini e degli Enti di Patronato nel sito internet dell’Istituto e le credenziali Pin Inps, SPID di livello 2 o superiore, Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) e Carta nazionale dei servizi (CNS).

Il richiedente Iscro dovrà autocertificare i redditi prodotti per ciascuno degli anni di interesse, a meno che l’Inps non li abbia già a disposizione per altre ragioni. Il reddito non dovrà superare gli 8.145 euro.

Infine, per ottenere l’indennità Iscro non bisogna essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non essere beneficiari di Reddito di cittadinanza.