Truffa informatica, il volto di Draghi per sottrarre soldi online

E’ stata sventata i Italia una vera e propria truffa informatica che ha permesso al suo ideatore di arricchirsi in pochissimo tempo

(pixabay)

Ancora una truffa informatica ai danni dei cittadini. Un truffatore ha creato un sito web con una falsa intervista a Draghi invitava a investire 250 euro. Chi cliccava poi scaricava un programma vuoto senza ottenere nulla in cambio.

Spendere 250 euro per diventare ricchi con la creazione attraverso un software di «Bitcoin Era», cryptovaluta che sarebbe capace di garantire tassi del 10mila percento. Ovviamente chi ha creato la truffa non è in grado di creare nessuna moneta.

Leggi anche: “Gli Atm chiusi sono una falsa notizia per fare terrorismo psicologico”, il comunicato di Konsumer contro le fake news

Truffa della cryptovaluta, ecco come funziona

(pixabay)

Il sito trappola è stato sventato per merito della polizia postale e sequestrato con l’accusa di truffa, abusivismo finanziario e sostituzione di persona dal pm Maurizio Arcuri per evitare che investitori imprudenti versassero denaro per l’acquisto di un programma fasullo.

A cadere nella trappola un numero di persone indeterminato che ha creduto alla promessa di una ricchezza facile, pagando i 250 euro chiesti per l’acquisto di questo software. Per la truffa è stato poi usato il volto del premier Mario Draghi, inutile dirlo, estraneo alla vicenda.

Nello specifico il fake Draghi consigliava di spendere i 250 euro nell’acquisito del programma perché, dopo averlo comprato, lui ha guadagnato cifre ragguardevoli. Inoltre i malcapitati sono stati tratti in inganno dal logo, anche questo fake del sito su cui è stata pubblicata la fantomatica intervista ovvero quello di un noto quotidiano nazionale.

Leggi anche: Cashback, finito il semestre: ecco chi ha vinto i 1.500€

Il lettore una volta pagati i 250 euro con un conto PayPal, dà il via al download, solo che una volta terminato, si scopre come si è entrati in possesso di un programma vuoto. Una truffa organizzata nei minimi dettagli. La polizia postale, su delega della procura, sta provando a risalire al server che ha ospitato il sito fake.