Cashback, come evitare la beffa per i 1.500€: c’è un modo

Attenzione al clamoroso sorpasso al fotofinish se siete in corsa per il supercashback: ecco cosa fare nelle prossime ore per esseri certi del premio 

cashback
Foto Pixabay

Ultimi 5 giorni di grande ‘battaglia’, poi stop al primo semestre e tuffo subito nel secondo. Aspettando con ansia, nel frattempo, la classifica finale che sarà stilata soltanto il prossimo 10 luglio. Il cashback e il supercashback, dopo una cavalcata iniziata lo scorso 1 gennaio dopo la fase sperimentale di natale, giunge ormai al traguardo con non poche emozioni e follie in questo rush conclusivo.

Cashback, la mossa per non perdere i 1.500€ 

cashback
(pixabay)

Al centro della questione resta il grande obiettivo per migliaia e migliaia di italiani: il super premio da 1.500€, un toccasana di questi tempi ma soprattutto per finanziare la vacanza estiva o risolvere qualche vecchio problemino irrisolto. Allo stato attuale siamo oltre quota 680 transazioni per l’ultimo in classifica, per una dato conclusivo che sfiora anche i 750 interventi da qui a mercoledì.

Leggi anche: Banconote rare, questa vale 40.000€: ne restano 20 in giro – FOTO

Considerando il passo intrapreso soprattutto nell’ultimo mese, non è da escludere che in effetti si possa andare anche leggermente oltre tale quota indicata. Quel che è certo è che sono attese ore frenetiche fino a metà settimana prossima, con i concorrenti che dedicheranno la giornata solo e unicamente agli ultimi acquisti del mese nella speranza di centrare la zona vincente e vincere la maratona.

Leggi anche: PostePay, stangata in arrivo per molti: cosa cambia

Ma tra questi, causa un ritmo insostenibile e considerando anche un budget mensile che nel frattempo cala, c’è anche chi si trova in enorme difficoltà ed è a forte rischio beffa per questa parte conclusiva. Allo stato attuale, per chi è dentro i primi 100.000 posti, vi è un solo modo per respingere con certezza ogni assalto: effettuare almeno 10-15 operazioni al giorno. Ovvero per un minimo di 50. Un ultimo sforzo, lì dove è possibile, per cercare di non vanificare le fatiche di mezzo anno.