Vinili rari, i 5 più costosi degli anni 80: si arriva a 2.500€

Vinili rari, ecco i cinque dischi più preziosi degli anni 80. Dischi che potrebbero essere anche a casa vostre e che oggi valgono un botto 

Vinili rari e costosi
Dischi rari (Foto Pixabay)

A casa vostra, senza nemmeno che lo sappiate, potrebbero esserci dai 300 ai 2.500 euro in un angolino disparato e probabilmente ricoperti anche con un po’ di polvere. Sono questi, infatti, i valori di alcuni vinili rari e preziosi degli anni 80. E non è detto necessariamente che questi siano solo a casa di esperti o collezionisti, perché potrebbero essere inconsapevolmente anche in abitazioni insospettabili.

Leggi anche: Questo disco vale una fortuna: se lo hai conservato sei ricco

Vinili rari, ecco i 5 pezzi più preziosi degli anni 80 

Vinili rari e costosi
Dischi rari (Foto Pixabay)

Un acquisto all’epoca banale, un possibile regalo o addirittura un’eredità ottenuto da qualche parente che oggi vale un botto. Partiamo appunto dal più costoso: “Piece Of Mind” degli Iron Maiden. Questo, in colore blu scelto per una rara versione colombiana e con una cover che presenta angoli tondi, oggi vale appunto 2.500 euro. Senza mai escludere ulteriori rialzi in caso di aste on line o la semplice smania di un collezionista che da tempo cercava un pezzo tanto unico.

Il secondo più importante, altrimenti, è “Kill ‘Em All” dei Metallica. In questo caso parliamo di 800 euro per l’edizione giapponese distribuita dalla King Record Co nel 1984. “Delicate Sound Of Thunder” dei Pink Floyd si piazza invece sul terzo gradino del podio. Questo disco, in versione sudcoreana con copertina apribile, oggi vale infatti 600 euro. Siamo invece sui 400 euro per “Unmasked” dei Kiss del 1980: il segno distinguibile è la copertina multicolore.

In ultimo chiude la top 5 “Appetite For Destruction” dei Guns N’ Roses, inizialmente uscito nel 1987 e poi ritirato per essere riprodotto. Il motivo? Una rappresentazione di Robert Williams inserita sulla copertina a quanto pare senza aver chiesto l’autorizzazione, col gruppo che fu pertanto costretto a fare un passo indietro. Questa, oggi, vale 300 euro.