Monete rare, questo 5 centesimi vale 40.000€! Come riconoscerlo 

Controlla subito: se spuntasse a casa tua, ti faresti un regalo non indifferente. Ecco perché vale tanto 

Direste mai che un 5 centesimi, un banalissimo 5 centesimi, può arrivare a valere addirittura 40 mila euro? Può sembrare delirio alla sola lettura, invece è proprio così. Il motivo? Il fenomeno delle monete rare, un movimento diffusissimo in Italia e nel mondo e che smuove cifre non indifferenti.

Si parte da migliaia di euro fino ad arrivare, in casi estremi, anche a milioni di euro. Ecco perché informarvi potrebbe farvi un regalo non indifferente: se per caso una di queste monete passasse tra le vostre mani – e capita pur non accorgendocene – vi fareste un regalo non indifferente. Basterebbe fotografarla e postarla sui tanti siti di aste on line di monete e non solo, per poi aspettare solo l’offerta più alta e intascare.

Sai come riconoscere una moneta rara? 

Come capire se una moneta sia rara o meno? In realtà non c’è un metodo universale. La prima indicazione è di informarsi appunto e capire le edizioni prodotte in maniera limitata per la commemorazione di un evento. In seconda battuta occhio alle monete che presentano un errore di conio più o meno grande: se una parte della rappresentazione è per esempio sbagliata o cancellata, allora attenti a quella particolarità. Così come massima attenzione anche alle vecchie monete, quelle che magari spuntano da casa di nonni o zii e che risalgono a tempi lontanissimi dagli attuali.

Hai questa moneta per esempio? 

Le vecchie lire, per esempio, rappresentano oggi una vera e propria miniera d’oro. Non tanto quelle che circolavano nel 2000 al momento del saluto finale per il cambio con l’euro, ma quelle, appunto, che risalgono a decenni e soli precedenti.

Da questo punto di vista per esempio, attenzione al 5 centesimi Vittorio Emanuele III. Questa, per esempio, vale gli appunto 40.000 euro citati in apertura. Non solo perché la produzione è datata 1903, ma anche e soprattutto il fatto che siano state realizzate soltanto in 10 esemplari.

Leggi anche: Gratta e Vinci, colpo record con il Mega Miliardario

Cinque appartenenti al primo lancio, altre cinque al secondo. Come riporta moneterare.net, un pezzo del secondo tipo è stato venduto nell’asta Nomisma n 47 proprio per 40.000 euro. Ritrovarsi una moneta simile in casa, pertanto, significherebbe trovare un vero e proprio tesoro. E così come le lire, anche gli attuali euro spesso riservano grosse sorprese.