Milano, sventata la truffa per moltiplicare le banconote: ecco di che si tratta

Sventata a Milano quella che è stata definita la “back money scam”, la truffa per moltiplicare le banconote. 

Anziani truffati
Banconote (Pixabay)

Sventata a Milano quella che è stata definita la truffa del “back money scam” che serviva ai truffatori per “moltiplicare” le banconote”.

Ad accorgersi della truffa una vittima che ha avvisato la questura mettendone fine dopo circa tre mesi. Proprio nel marzo 2021 la truffa aveva fatto la sua prima vittima.

Leggi anche: Il Garante Privacy blocca l’app Mitiga, utilizzata per certificare la vaccinazioni nella finale di Coppa Italia

Black Money Scam, ecco cos’è la truffa delle banconote Moltiplicate

Naspi
Banconote (Foto Pixabay)

Tutto è nato in pieno centro a Milano quando un uomo di 39 anni ha proposto ad un 65enne, la vittima, un metodo per “generare” banconote da cinquanta euro a partire da banali pezzi di carta.

A condizione che egli procurasse il maggior numero possibile di banconote autentiche da duplicare, la vittima ha poi portato banconote per 13 mila euro ai truffatori che hanno lavorato con i flaconi di reagenti chimici per mettere in atto la truffa.

Il “black money scam” funziona infatti trattando la banconota vera con la sostanza chimica per poi pressarla insieme a due fotocopie e, approfittando della distrazione della vittima, sostituendo i fogli fasulli con due banconote vere per far credere di avere “moltiplicato” il denaro.

Leggi anche: Istat, multe in arrivo per per alcune imprese: il motivo

Intascati i 13 mila euro, i truffatori non sono scomparsi ma hanno continuato a comunicare con la vittima, proponendo di restituire i soldi ma chiedendo contestualmente altro denaro.

La vittima si sarebbe così reso conto del raggiro e, di comune accordo con i poliziotti, si è presentato per un altro incontro con i due truffatori. Al passaggio del denaro gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato il truffatore e, successivamente, il suo complice insieme alle strumentazioni utilizzate per mettere in atto la truffa.