Indennizzo ai commercianti che rottamano la licenza: sbloccate le domande

Indennizzo ai commercianti che rottamano la licenza, ci sono delle importanti novità che arrivano dall’Agenzia delle Entrate. I dettagli. 

Indennizzo commercianti
Logo INPS (Screenshot YouTube)

L’Inps ha dato una risposta importante in merito all’erogazione dell’indennizzo dei commercianti che hanno chiuso la propria attività commerciale. Con il messaggio numero 2054 del 2021 si comunica che l’erogazione riparte e che tutte le domande troveranno accoglienza entro il 31 maggio. Una buona notizia per tutti coloro che hanno attraversato momenti difficili in questa emergenza Coronavirus.

A sbloccare le somme per i commercianti è stata la Legge di Bilancio 2021 che ha stanziato a tal proposito 167 milioni di euro. La somma prevista per queste categorie è di 513 euro al mese fino all’accesso alla pensione di vecchiaia. Una cifra che consente di recuperare almeno in parte tutte le perdite accumulate in un periodo molto delicato.

Leggi anche: Inps, Naspi: comunicata la data per lo sblocco delle domande

Ma a chi è rivolta l’erogazione? Si parla di commercianti che abbiano versato almeno 5 anni di contributi Inps e che abbiano raggiunto l’età di 62 anni. Per le donne invece il parametro contributivo resta lo stesso, ma scende l’età a 56 anni.

Indennizzo ai commercianti: sbloccati i fondi

pensioni
Pixabay

Il provvedimento di indennizzo ai commercianti che rottamano la licenza è stato sbloccato grazie allo stanziamento di 167 milioni nella legge di Bilancio 2021. Nello specifico si fa riferimento a tutti i commercianti che abbiano cessato la loro attività entro il 1 gennaio 2019, andando a ricoprire poi anche i commercianti che hanno chiuso le attività entro il 1 gennaio 2017.

In queste ore si provvederà ad evadere tutte le domande presentate entro il 31 dicembre 2020. Con lo sblocco dei fondi che finalmente andranno ad aiutare famiglie in difficoltà soprattutto nell’era post Covid.

Leggi anche: Detrazioni spese mediche nel 730/2021: ecco come ottenere il rimborso

Per tutte le richieste che invece verranno presentate a partire dal primo giugno ci saranno ulteriori informazioni da parte dell’Inps che provvederà al pagamento dopo il controllo dei requisiti per farne domanda.