Riforma pensioni, soluzione flessibile 62+20. Di cosa si tratta

Importanti novità in vista per quanto riguarda le pensioni. Tra le varie proposte al vaglio per la nuova riforma che potrebbe prevedere una soluzione flessibile 62+20. Andiamo a scoprire i dettagli.

pensione
(pixabay)

Si intensifica il dibattito politico per quanto concerne la riforma delle pensioni. L’uscita dal mercato del lavoro rappresenta per molti cittadini un traguardo importante. Dopo tanti anni di lavoro e sacrifici questa può rappresentare un punto di arrivo per la propria carriera professionale. Lo scorso Governo aveva introdotto la tanto chiacchierata ‘Quota 100’. Una scelta che ha all’uscita dal mondo del lavoro tante persone che hanno sfruttato questa soluzione.

Sono diverse le possibilità al vaglio in questa delicata fase di discussione. Da quota 102, a quota 41 per tutti o la pensione in due quote proposta dal Presidente dell’Inps Pasquale Tridico. Una carnet di proposte molto ampio e che potrebbe presentare una serie di scenari diversi e diversificati. Andiamo a scoprire nel dettaglio la riforma pensioni con la formula 62+20.

Leggi anche: Uomini e Donne, quanto guadagna Ida Platano? Svelato il cachet

Riforma pensioni 62+20: come funziona

Pensioni
(pixabay)

Tra le varie proposte quella avanzata dai sindacati prevede una pensione flessibile a 62 anni con 20 anni di contributi. All’interno della riforma pensioni potrebbe essere inclusa anche l’abbassamento del requisito contributivo dagli attuali 42 anni e 10 mesi per gli uomini e i 41 anni e 10 mesi per le donne a 41 anni, con un’età anagrafica non inferiore ai 62 anni.

Leggi anche: Quanto guadagna Khaby Lame su Tik Tok? Cifra astronomica

L’altra ipotesi accreditata è Quota 41 che prevede la possibilità di andare in pensione una volta raggiunti i 41 anni di contributi. Inoltre si deve appartenere ad una selle 4 seguenti tutele:

-lavoratore che ha perso involontariamente in lavoro e ha terminato di fruire la NASPI da almeno tre mesi

-il lavoratore che assiste un familiare con handicap grave da almeno sei mesi

-lavoratori autonomi e dipendenti che hanno una percentuale invalidante uguale o superiore al 74%

-lavoratori che svolgono mansioni particolarmente faticose e pesanti.