Decreto Sostegni bis, le misure che riguardano scuola e docenti

Il Decreto Sostegni bis prevede l’introduzione di una serie di misure per il rilancio del mondo della scuola. Tra le varie novità alcune coinvolgeranno i docenti. Andiamo a scoprire quali.

Assunzioni scuola
Pixabay

Il Decreto Sostegni bis ha introdotto una serie di importanti novità anche per quanto riguarda il mondo della scuola. Il Governo, infatti, ha studiato una serie di misure per snellire l’iter di assunzione in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. Di certo questo è uno dei settori maggiormente colpiti dalla crisi sanitaria.

Le scuole sono rimaste chiuse per tantissimi mesi con danni incalcolabili per gli studenti. Danni soprattutto a livello di istruzione visto che per tantissimo tempo gli studenti hanno dovuto fare lezione a distanza con tutta una serie di problematiche connesse alle modalità di fruizione delle informazioni. La nuova condizione ha richiesto al Ministero dell’Istruzione anche la necessità di assumere diverse altre figure per la didattica in presenza. Una situazione non facile da gestire e che attraverso il Decreto Sostegni bis l’esecutivo spera di sistemare.

Leggi anche: Elettra Lamborghini lascia la tv: ecco cosa farà dopo l’Isola dei Famosi

Decreto Sostegni: le novità sulla scuola

Graduatorie Ata
Scuola (PIxabay)

Tra le varie novità introdotte dal Decreto Sostegni, la possibilità offerta al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi di velocizzare l’iter delle procedure le assunzioni degli insegnanti, anche per quelle provvisorie, le utilizzazioni e le attribuzioni dei supplenti in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. Il tutto sarà realizzato, infatti, entro il 31 agosto.

In questo modo si avrà un quadro preciso della situazione già a partire dalla prima metà di settembre. All’interno del Decreto Sostegni bis vengono specificate anche le modalità per quanto riguarda i prossimo concorsi.

Leggi anche: Avanti un altro, quanto guadagna Laura Cremaschi? Svelato il cachet

Questi ultimi dovranno essere veloci e su base annuale, per accelerare gli ingressi e coprire i vuoti dei pensionamenti.