Covid, crisi scampata per il settore alimentare. Boom dell’online

Il settore alimentare è probabilmente l’unico che non ha risentito dell’emergenza sanitaria causata dal Covid. I numeri concernenti questo comparto sono addirittura in crescita se si guarda alle nuove frontiere degli acquisti in rete.

Nuovo ritiro alimentare
Scaffali supermercato (Pixabay)

L’emergenza sanitaria legata al Covid ha provocato tantissimi problemi anche a livello economico. In Italia sono state migliaia le attività commerciali costrette a chiudere i battenti o che hanno dovuto far fronte a un crollo degli incassi. Questa terribile situazione, però, non riguarda il settore alimentare. Nei mesi di quarantena gli italiani hanno riscoperto il piacere di stare in casa e passare momenti conviviali a tavola, ovviamente si intende in maniera ristretta al solo nucleo familiare.

Secondo l’indagine dell’Osservatorio 2021 FIDA Confcommercio le imprese alimentari della distribuzione organizzata e della distribuzione al dettaglio non sono state sfiorate dalla crisi provocata dal Covid, anzi la metà di queste lo scorso anno ha migliorato il proprio andamento economico. Gli italiani nel 2020 hanno imparato a rinunciare a molte cose ma, inevitabilmente, non si sono risparmiati per quanto concerne gli acquisti nel settore alimentare, sostenuti anche dalla possibilità di potersi affidare al web.

Leggi anche: Quanto hanno guadagnato i Maneskin per l’Eurovision Song Contest?

Il Covid ha risparmiato il comparto alimentare

Richiamo alimentare

Come anticipato pocanzi il settore alimentare è quello che ha subito meno danni, in riferimento ovviamente ai supermercati e alla grande distribuzione, dal punto di vista economica a causa del Covid.

Dall’indagine dell’Osservatorio 2021 FIDA di Confcommercio è emersa in maniera preponderante una nuova tendenza, quello degli acquisti online anche per quanto concerne le compere dei beni alimentari.

Leggi anche: Superenalotto, centrato il sei milionario: vincita clamorosa con 2 euro

I dati sottolineano che prima della crisi sanitaria il 13% accettava prenotazioni della spesa tramite Social Network o Whatsapp, oggi sono il 31%; prima della crisi, l’11% delle imprese offriva ai consumatori la possibilità di effettuare la spesa online sul sito dell’impresa o tramite posta elettronica oggi questo dato è salito al 27%.