Monete rare, questo 20 centesimi vale tanto: controlla se ce l’hai

Monete rare, attenti a questo 20 centesimi ricercatissimo dai collezionisti. Potrebbe essere a casa vostra e potreste farvi un super regalo 

Foto Pixabay

Quanti 20 centesimi passano quotidianamente tra le nostre mani? Tanti, tantissimi. Ma quel che non sappiamo è che alcuni di questi, in realtà, potrebbero essere dei pezzi rari e valere molto di più di appunto tale quota. Si tratta di piccoli tesoretti che, a gran sorpresa, potrebbero farci un regalo del tutto inaspettato.

Leggi anche: Moneta da 20 centesimi, cosa rappresenta il suo simbolo?

Monete rare, attenti al 20 centesimi del 1999 

Come infatti riporta il sito specializzato Moneterare.net, se alcuni esemplari dovessero presentare delle particolarità il loro valore potrebbe schizzare ufficialmente fino a 55€. Per particolarità si intende o degli errori di conio, quindi dei difetti di produzione avvenuti direttamente nella Zecca di Stato, oppure degli esuberi di metallo rispetto a una versione standard.

C’è un esempio in particolare a tal proposito: ovvero il 20 centesimi che riporta la scritta “1999” come data indicata sul retro. Un errore clamoroso, considerando che in realtà l’euro fu ufficialmente introdotto solo nel 2000. Tutti questi pezzi, ovvero poco più di un milione, furono ritirati e distrutti. Tranne qualcuno che continua ad essere in circolazione e per i quali i collezionisti sarebbero pronti anche a far “follie”.

Del resto si sa: è l’offerta che fa il mercato. Pertanto se doveste trovarvi di fronte un collezionista ‘disperato’ per aggiungere quel pezzo alla sua ampia collezione, potreste intascare molto di più di un semplice 50 euro. Soprattutto proponendo il pezzo in qualche sito d’asta, non è troppo da escludere che si arrivi anche a un 200-300 euro e, chissà, magari anche 500.