Monete rare, questa vale 3.500€: potrebbe essere a casa vostra 

Monete rare, attenzione se avete questo pezzo a casa: vale un vero e proprio piccolo tesoro 

Foto Pixabay

Capita spesso che nonni o zii conservino delle vecchie monete a casa, denari che appartengono a un’epoca ormai andata ma che finiscono poi nelle mani di figli o nipoti. Ciò che non tutti sanno, tuttavia, è che questi pezzi che spessi valgono un vero e proprio tesoro.  E anche molto più di quanto si possa anche e solo lontanamente immaginare, a meno che non si è esperti dell’argomento o appassionati con molti riscontri alle spalle.

Perché sebbene certe monete non abbiano ovviamente più alcun valore giuridico ed economico sull’attuale mercato, conservano invece una grossa stima per quanto riguarda il discorso storico e collezionistico.

Leggi anche: Moneta da 10 centesimi, sapete di chi è il volto sul retro?

Monete rare, attenzione alla 5 lire aquilotto 

Ed è il caso in particolare della 5 lire Aquilotto prodotta tra il 1926 e il 1935. Questa presenta davanti la rappresentazione di Vittorio Emanuele II re d’Italia, con tanto di nome attorno alla circonferenza della moneta, e di un’aquila sul retro con le ali aperte. Di queste monete esistono varie tipologie appartenenti a ciascun anno ma sono tutte considerate rare. Basti pensare che quelle relative al periodo 1931-35 furono prodotte soltanto in 50 pezzi all’anno destinate esclusivamente ai collezionisti.

Ecco perché ritrovarsene una oggi comporterebbe un tesoretto niente male. Proprio un esemplare di quest’ultima fascia indicata, come riporta Moneterare.net, è stato venduto all’asta per 3.450 euro il lontano 13 aprile del 2013. Lecito pensare che oggi, a distanza di otto anni da quell’episodio, un altro pezzo simile all’asta finirebbe con l’essere pagato anche un po’ di più. Attenzione, dunque, se per caso passasse questa moneta per casa vostra o in quella di qualche parente.