Vince 26 milioni, ma è tutto annullato: il motivo è assurdo

Vince 26 milioni, poi la terribile scoperta. Beffa terribile per un giocatore che ha perso l’opportunità di diventare milioni 

Foto Pixabay

Avete mai immaginato, anche solo per qualche secondo, di vincere alla lotteria ma di non trovare più il biglietto vincente? L’incubo nascosto di molti, soprattutto poco dopo aver effettivamente scommesso qualche euro, si è concretizzato davvero negli Stati Uniti d’America. Il ‘dramma’ si è consumato precisamente nella California, dove una donna ha in teoria vinto 26 milioni di dollari. Ma è qui che poi emerge un dettaglio sconvolgente: il biglietto che conferma la sua effettiva vincita, in realtà, è stato perso e ancor più precisamente distrutto in lavatrice.

Leggi anche: Superenalotto, arriva un cinque clamoroso: vincita da record

Vince 26 milioni di dollari, ma perde il biglietto vincente 

Foto Pixabay

A riportare la notizia sono direttamente i quotidiani locali, i quali confermano che in effetti i numeri vincenti sono stati emessi dalla stazione di servizio sulla East Imperial Highway a Norwalk. Stando alla ricostruzione dei fatti, la donna avrebbe dimenticato il biglietto in un vestito che ha poi portato in una lavanderia sempre nella zona. E purtroppo per lei c’è stata una beffa tremenda, poiché alla fine non ha potuto riscuotere la sua vincita a causa del mancato biglietto.

Il motivo è semplice: in assenza del biglietto poiché smarrito, secondo il regolamento della California Lottry Center, bisogna presentare prove effettive che quel biglietto vincente sia stato nelle mani della persona che ha riferito di averlo perso. Serve una “prova sostanziale e convincente”.

Le telecamere di sicurezza invocate dalla donna, tuttavia, non sono bastate: pur dimostrando che in effetti sia stata alla stazione di servizio e che abbia comprato un biglietto, dalle immagini non si è visto con chiarezza il numero di serie. Ed è per questo grande dettaglio che la donna ha perso l’occasione di una vita e non sarà mai più milionaria.