Reddito di emergenza, nuova proroga: ecco chi può richiederlo 

Reddito di emergenza, nuova proroga del sussidio messo a disposizione per le famiglie in difficoltà. Ecco quanto durerà e i requisiti necessari 

bonus mobilità
Banconota 500 euro (Foto Pixabay)

Nuova proroga in arrivo per quanto riguarda il reddito di emergenza scaduto a maggio. Dopo l’ultimo rinnovo di tre mesi annunciato a inizio 2021, il prossimo Decreto Sostegni Big vedrà un’altra conferma bimestrale per il sussidio a sostegno delle famiglie in difficoltà. Si attende appena l’ufficialità che giungerà la prossima settimana con l’approvazione del Consiglio dei ministri, ma l’intervento ci sarà di certo come ha già anticipato il viceministro allo Sviluppo Economico Gilberto Picchetto Fratin.

Leggi anche: Fisco, in arrivo 100mila accertamenti: le categorie a rischio

Reddito di emergenza, requisiti e come funziona 

Vincita Million Day
Banconote da 500 e 200 euro (Foto Pixabay)

I requisiti restano sempre gli stessi: residenza in Italia, reddito familiare non superiore all’ammontare del beneficio e un patrimonio mobiliare di 10 mila euro, con 5.000 ulteriori per ogni componente in famiglia per un massimo di 20.000, e un modello Isee che non super i 15.000 euro. Così come il sussidio resta incompatibile con pensioni dirette o indirette o con reddito o pensione di cittadinanza.

La cifra mensile, invece, è di un minimo di 400 euro per il primo componente del nucleo familiare. A questo, poi, si aggiunge uno 0.4 per ogni altri membro maggiorenne della casa e uno 0.2 per componenti minorenni. Il che significa che una famiglia con due adulti e un minorenne, riceverebbe precisamente 640 euro ogni 30 giorni in virtù di una scala di equivalenza di 1.6 (1 per il primo componente, appunto 0.4 per il secondo e 0.2 per il bambino).

La quota sale invece a 720 euro in caso di due bambini oltre i genitori. La soglia massima raggiungibile è invece di 840 euro, caso in cui gli adulti siano tre, di cui uno disabile grave, più tre minorenni. La domanda può essere presentata on line tramite il sito ufficiale dell’Inps o attraverso un Caf o patronato.