Monete rare, questa l’abbiamo avuta tutti: oggi vale 1.400€!

Monete rare, attenzione a questa moneta che sicuro avete avuto almeno una volta e che oggi vale un tesoro

Foto Pixabay

Avete ancora delle vecchie lire in giro per casa? Oppure conoscete parenti che le custodiscono affettuosamente per questioni storico e affettive? Se così fosse, date subito un’occhiata attenta a questi denari. Perché sebbene oggi non abbiano alcun valore economico e giuridico sul fronte acquisti, queste potrebbero comunque valere molto più di quanto immaginiate. Ci sono alcuni pezzi rari, infatti, che verrebbero pagati a peso d’oro oggigiorno. Perché il collezionismo di monete è un fenomeno diffusissimo in Italia e nel mondo, con i collezionisti che hanno fatto spesso follie da 6.000 euro in questi anni.

Leggi anche: Sapete di chi era il volto sulla vecchia 1.000 lire?

Monete rare, attenti alla 50 lire del 1958 

Screenshot Youtube

Ecco perché, ritrovarsi certe monete, potrebbe significare avere un piccolo tesoro nascosto in casa. Come ad esempio la vecchia 50 lire, una moneta che – chi ha vissuto gli anni 90 – ha visto di certo più e più volte. Tuttavia bisogna far attenzione all’anno di produzione inciso, perché è quello che fa la differenza.

Quella del 1958, tanto per citarne una tra tanti, è ricercatissima in quanto furono all’epoca coniate solo 825.000 monete. Come riporta moneterare.net, sito specializzato, se tenuta in buone condizioni, questo pezzo può arrivare a valere anche 1.400 euro. Prezzo tuttavia relativo a una moneta in perfette condizioni, altrimenti bisognerà ‘accontentarsi’ di 1.000 euro o poco giù.

Riconoscere la moneta in questione è semplice: sul fronte c’è rappresentato il dio Vulcano mentre batte il martello sull’incudine e a sinistra dovrà esserci appunto la data 1958. Sul retro, invece, è immortalata una donna con una corona di foglie di quercia. Una moneta che, per chi ha vissuto anche solo la parte finale delle lire, avrà visto e avuto di certo almeno una volta nelle mani. Il problema, semmai, è appunto la data segnata. La differenza, come detto, è tutta lì.