Dl Sostegni, salta il superbonus alle aziende. Ecco cosa succede adesso

Dl Sostegni, saltato il superbonus alle aziende? Il parere negativo della Ragioneria Generale dello Stato ha scatenato forti polemiche.

Dl sostegni
Banconote (Foto Pixabay)

Novità in merito al Dl Sostegni in arrivo. Ma non proprio positive per le imprese. Infatti la Ragioneria dello Stato ha bocciato la norma del Parlamento sulla cedibilità del credito di imposta in merito all’acquisto di beni strumentali previsti dal piano transizione 4.0. Niente da fare per il momento per tutte le aziende che avevano riposto speranze in questa misura, con la protesta di vari esponenti della maggioranza e del governo.

A questo punto ci sarà da lavorare per ricucire lo strappo ed arrivare eventualmente alla riformulazione della proposta. A capo degli scontenti ci sono gli esponenti del Movimento 5 Stelle che avevano messo tante speranze su questa misura previsto dal Decreto Sostegni.

Leggi anche: Pfizer, ricavi boom nel primo trimestre: il business miliardario dei vaccini

Il dibattito si sposta al Senato, per capire se ci sono margini per riproporre la misura che possa dare un sostegno concreto alle aziende in un momento storico caratterizzato dall’emergenza economica che la pandemia ha scatenato da oltre un anno nel nostro paese.

Dl sostegni, salta il superbonus per le aziende

Decreto sostegno
Banconote (Foto Pixabay)

Polemiche per il superbonus previsto nel Dl Sostegni in riferimento alle aziende ed alla cedibilità del credito di imposta in merito all’acquisto di beni strumentali previsti dal piano transizione 4.0. La Ragioneria dello stato ha infatti chiesto lo stralcio della norma ritenendo che possa avere degli effetti rilevanti sulla finanza pubblica.

Nel merito la Ragioneria afferma che si potrebbero avere degli effetti particolarmente significativi per alcuni crediti che prevedono una fruizione in quote annuali. Con un particolare impatto sul deficit. Insomma, la partita rimane aperta, con la bocciatura della cessione del credito che ha indispettito i componenti del M5S.

Leggi anche: Vincita da sogno al 10eLotto: colpo clamoroso con pochi euro

Nei prossimi giorni il governo si pronuncerà anche su altre proposte nella direzione dei sostegni alle aziende in questa difficile situazione economica. In agenda in governo ha anche la questione del coprifuoco che potrebbe prevedere un allungamento dell’orario dalle 22 alle 23 o 24.