Bonus animali domestici 2021: ecco cosa fare per ottenere le detrazioni

Bonus animali domestici: ecco una guida rapida ed utile per ottenere le detrazioni. Tutte le informazioni su scadenze e procedura da seguire

Bonus animali

Il bonus animali domestici 2021 rappresenta una misura attesa da tantissime famiglie che posseggono, spesso in casa, un amico a quattro zampe. Che spesso diventa un vero e proprio componente della famiglia, che si tratti di cane o gatto cambia poco. Secondo una stima recente, si calcola che un italiano su tre possiede un animale domestico, con questa cifra che negli ultimi anni ha avuto un notevole sbalzo in avanti.

Per questo motivo i provvedimenti di sostegno nei confronti di queste famiglie non potevano essere accantonati. La Legge di Bilancio ha previsto infatti un bonus di 80 euro nel 2021 per tutti coloro che posseggono cani gatti ed altri animali considerati nella lista dei domestici. Con la cifra delle spese detraibili che passa dai 500 euro annuali ai 550.

Leggi anche: Codacons chiede ispezioni e sequestri per gli alimenti contenenti biossido di titanio

Resta invece la franchigia di 129,11, con la detrazione Irpef al 19% che viene applicata sull’importo eccedente a questa somma, arrivando ad un massimo di 80 euro.

Bonus animali domestici, ecco a chi spetta

Bonus animali
Pixabay

Il bonus sugli animali domestici rappresenta un sostegno importante per le tante famiglie italiane che si prendono cura dei loro amici a 4 zampe che come detto sono sempre in numero maggiore negli ultimi anni. In merito alla somma di 80 euro prevista per il 2021, c’è da sottolineare che il limite resta quello della franchigia, sotto il quale non si ha diritto al bonus.

Il calcolo è presto fatto: con una spesa di 400 euro di spese annue sanitarie si sottrae la franchigia di 129,11 euro. La cifra che rimane di 270,89 servirà a detrarre l’IRPEF al 19%, con la somma di 51 euro di detrazione. In questo caso per beneficiare della detrazione si dovranno seguire alcuni passaggi.

Leggi anche: Il mare è un patrimonio da salvare, anche l’occupazione può ripartire dalle acque

Il primo di questi è inerente ai pagamenti con carta di credito, bancomat o versamenti bancari o postali. Quest’obbligo esclude i pagamenti per acquisti di medicinali o dispositivi medici ed altre detrazioni. Informazione utilissima e per tutti i possessori di amici a 4 zampe.