Truffa WhatsApp: attenzione anche ai messaggi che arrivano da veri amici

Truffa WhatsApp, massima attenzione per tutti gli utenti: adeso i messaggi falsi possono arrivare anche da contatti presenti in rubrica. Ecco come

Nuova truffa WhatsApp
Pixabay

La truffa WhatsApp continua a preoccupare gli utenti, che sempre più spesso si trovano di fronte a messaggi inoltrati da malviventi in cerca di vittime. Nei mesi scorsi sono stati tante le segnalazioni alle forze dell’ordine da parte di consumatori che sono caduti nella rete dei truffatori. Che adesso utilizzano qualsiasi canale per il raggiungimento degli obiettivi.

Lo scopo resta quello di arrivare a persone meno esperte che non spesso hanno troppa dimestichezza con la tecnologia. Come per esempio accade di frequente gli anziani che si trovano a dover fronteggiare l’astuzia del malviventi. Non solo email ed SMS, dunque. I messaggi phishing stanno diventando sempre più frequenti.

Leggi anche: Coronavirus, l’allarme di Confcommercio: persi milioni di posti di lavoro

Si richiede quindi la massima attenzione quando ci sono inviti particolari ed inserire dati personali cliccando link che vengono inviati con l’obiettivo di far cadere nella reta gli utenti distratti o meno avvezzi con queste truffe di nuova generazione.

Truffa WhatsApp, attenzione: l’allerta della Questura

Nuova truffa WhatsApp
Messaggi WhatsApp (Pixabay)

Nelle scorse ore sono aumentate in modo esponenziale le segnalazioni alle forze dell’ordine per l’ennesima truffa WhatsApp. Anche perché hacker espertissimi hanno alzato l’asticella delle loro truffe, arrivando adesso a clonare profili degli utenti nostri contatti ed inviare messaggi che all’apparenza sembrano pure veritieri.

L’utente amico ci contatta e ci chiede – ovviamente a sua insaputa – di aiutarlo a completare un acquisto online. Per farlo bisogna inserire i nostri dati su una pagina che ci viene inviata dal falso utente. In questi casi il consiglio della Polizia Postale resta quello di non prendere mai in considerazione questi messaggi.

Leggi anche: Cartelle esattoriali, proroga di un altro mese. Irap slitta a settembre

E di contattare al più presto le forze dell’ordine per segnalare l’accaduto. Tanti utenti sono finiti nella rete degli hacker che come detto riescono a diventare sempre più ingegnosi arrivando anche a sostituirsi a contatti presenti nella nostra rubrica. Un consiglio resta anche quello di non dare mai il nostro smartphone in mano a sconosciuti. Questa leggerezza potrebbe rappresentare il primo passo verso la truffa.