Truffa Inps, questo messaggio vi può svuotare il conto 

Truffa Inps, attenzione all’ultimo tentativo di fronte verso gli italiani. A lanciare l’allarme è lo stesso istituto 

Truffa, attenzione alle vostre Postepay

(foto: pixabay)Nuova truffa in Italia a nome dell’Inps: a lanciare l’allarme è lo stesso Istituto Nazionale della previdenza sociale. Attraverso un comunicato ufficiale, l’ente mette in guardia a proposito di un nuovo messaggio che sta circolando e che potrebbe ingannare moltissimi italiani. Si tratta di messaggi fittizi via email, quindi di nuovi tentativi di phishing.

Leggi anche: Covid, attenzione alla truffa delle sanificazioni a domicilio

Truffa Inps, attenzione a quest’email 

Pensioni anticipate
Logo INPS (Screenshot YouTube)

La trappola è sempre la stessa: vengono inviati messaggi invitanti, spesso relativi a soldi da ricevere per incuriosire e ingolosire, affinché gli utenti clicchino e scarichino inconsapevolmente dei virus che finiranno poi con rubare i dati sensibili dal computer o cellulare. Tra questi, ovviamente, ci sono anche e soprattutto le credenziali bancarie con cui si potrebbe svuotare un conto in pochi minuti.

L’indirizzo utilizzato in quest’ultimo tentativo di fronde è il seguente: DCBilanci@inps.it. Un’email assolutamente credibile e iconica, la quale farebbe facilmente cadere gli utenti nella trappola. A tal proposito – evidenzia l’Inps – l’istituto non invia mai comunicazioni con documenti allegati da scaricare o collegamenti ipertestuali che riportano ad altre piattaforme. Che questo sia da monito per sempre: non capiterà mai e bisogna diffidare ogni volta che vi comparirà un messaggio con questi segnali.

Ignorate inoltre presunti sms e altre forme di comunicazioni magari come i messaggio privati via social. C’è un solo e unico modo per essere messi al corrente sulla propria situazione pensionistica o contributiva: attraverso il sito ufficiale o al massimo tramite il call center. Qualsiasi messaggio, soprattutto via email è assolutamente da ignorare. Non cliccate nemmeno per una mera curiosità.