Monete rare, questa vale 3.000€: potrebbe essere a casa vostra

Monete rare, attenzione a questo pezzo estremamente prezioso e ricercatissimo. Se lo trovate vi fareste un mega regalo 

Foto Pixabay

Se conservate gelosamente delle vecchie lire, o se conoscete qualcuno che lo fa per un puro carattere storico e affettivo, è il caso di dare subito un’occhiata a quelle monete che oggi potrebbero valere un botto. Molto più di quanto non immaginereste nemmeno lontanamente.

Del resto soprattutto le vecchie monete, al pari delle nuove con errori di conio o legate a commemorazioni per eventi storici, sono ricercatissime tra i collezionisti professionisti che sono pronti a pagare anche a peso d’oro per uno di quei pezzi rari che, trattandosi soprattutto di lire, diventano man mano sempre più introvabili.

Leggi anche: Moneta da 1€, cosa rappresenta questo simbolo sul retro?

Monete rare, la vecchia lira che vale un tesoro 

Eppure, segretamente, molte di queste sono ancora tra le nostre case o più verosimilmente in quella di nonni e zii dall’età un po’ più avanzata. Non solo quelle viste negli anni 90 a ritroso, ma anche altre appartenenti a un secolo precedente. Come la moneta da 1 lira Bologna del 1859 addirittura.

In realtà l’anno di produzione, malgrado l’indicazione sul retro, è del 1860. Riconoscerla è semplice: mentre sul fronte c’è il volto di profilo di Vittorio Emanuele II, con tanto di nome attorno per chi non lo riconoscesse, il retro presenta lo stemma del casato di Savoia avvolto tra rami di lauro con la scritta attorno “Dio protegge l’Italia”.

Un pezzo del genere, come riporta Moneterare.net, il 20 aprile del 2004 fu venduto a un’asta per addirittura 2.654 euro. Pertanto se dovesse spuntare un nuovo pezzo, nelle migliori condizioni possibili, potreste guadagnarci anche un tantino in più considerando il pezzo assolutamente unico e in assoluto gli anni passati dall’ultimo maxi acquisto in questione.

Proposta alle persone giuste attraverso le piattaforme di vendita on line più adeguate, potreste ricavarci anche 3.000 euro tondi. Altrimenti, qualora fosse in condizioni non ottimali, un 1.000 euro non sarebbe poi nemmeno così male. Ecco perché, se avete delle vecchie o vecchissime lire nei paraggi sarebbe il caso di darci subito uno sguardo.