Bonus Vacanze 2021: ecco come richiederlo direttamente online

La stagione estiva si avvicina e sono milioni gli italiani che intendono usufruire del bonus vacanze per pianificare qualche giorno fuori casa. Scopriamo come richiederlo direttamente online.

Estate mare
Turisti

Purtroppo la crisi sanitaria ha portato anche una grave crisi economica che ha colpito con tutta la sua potenza il settore turistico. I suoi effetti si sentono in particolare in un paese come l’Italia che ogni anno accoglie milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo, le restrizioni degli spostamenti hanno rappresentato un colpo mortale per il comparto. Il Governo lo scorso anno per cercare di aiutare il settore ha approvato il bonus vacanze.

Nel dettaglio si tratta di un contributo che può arrivare fino a 500 euro per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia. Ovviamente bisognerà rispettare dei requisiti ben precisi per poter vedersi riconosciuto il bonus. Come vi abbiamo anticipato sarà possibile anche richiederlo direttamente online, andiamo a scoprire come.

Leggi anche: Amici, quanto guadagna Emanuele Filiberto? Il cachet principesco

Bonus vacanze 2021: come richiederlo online?

Foto Pixabay

Il bonus vacanze è disponibile per tutte i nuclei familiari con un Isee inferiore a 40mila euro. L’importo dello stesso varierà in base al numero di componenti della famiglia stessa. Lo schema da seguire per capire quale sia la cifra dello sconto ottenibile è il seguente:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona

Leggi anche: Avete mai visto dove vive Anna Ferzetti con Pierfrancesco Favino?

Per poter richiedere il bonus vacanze bisognerà scaricare l’app IO. Ricordiamo che lo sgravio può utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche se diverso dal richiedente e deve essere utilizzato in un’unica soluzione. Ricordiamo, infine, che lo sconto dell’80% arriva immediatamente per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore, mentre il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta.