Gratta e Vinci: vincita milionaria in maniera assurda!

La vita a volte riesce a sorprenderci in maniera talmente inattesa da poterla definire assurda. Giocando con i gratta e vinci un uomo ha visto stravolgersi il suo futuro. Vi raccontiamo questa vicenda paradossale.

grattaevinci
(screenshot Instagram)

La storia che vi stiamo per raccontare è balzata alle cronache nazionali per la sua irreale natura. Il protagonista è un muratore veronese che dopo aver acquistato un gratta e vinci si è reso conto di essere stato baciato dalla fortuna, portando a casa un maxi premio da 1 milione di euro. L’uomo si è presentato in banca per completare le procedure per l’incasso della vincita il 4 febbraio scorso.

Sin qui, ovviamente, vi abbiamo solo parlato di un rocambolesco colpo di fortuna ma quello che vi sveleremo tra poco vi lascerà sbalorditi. A soli 20 giorni di distanza la stessa persona, con lo stesa tipologia di gratta e vinci, torna nella stessa banca con un tagliando che vale ben 2 milioni di euro. Una vicenda talmente assurda che la polizia ha posto sotto sequestro i soldi avanzando l’ipotesi di accesso abusivo al sistema informatico della società concessionaria della lotteria e conseguente rivelazione di segreto. Secondo la procura, infatti, qualche funzionario di Lottomatica avrebbe fornito all’uomo i dettagli relativi ai bar e alle ricevitorie nei quali erano in vendita i biglietti vincenti.

Leggi anche: Amici, quanto guadagna Emanuele Filiberto? Il cachet principesco

Gratta e vinci: vincita assurda!

Gratta e Vinci
Biglietto Gratta e Vinci (Screenshot YouTube)

La procura di Verona ha deciso di fare luce sulla vicenda, ritenendo la possibilità di acquistare due gratta e vinci con premi milionari in soli 20 giorni sia praticamente vicina allo zero.

Leggi anche: Avete mai visto dove vive Anna Ferzetti con Pierfrancesco Favino?

E’ di poche ore fa la notizia che il sostituto procuratore della repubblica Alberto Sergi, ha archiviato il fascicolo di inchiesta. Dalle verifiche svolte dalla Guardia di Finanza non è emersa nessuna irregolarità e di conseguenza i soldi sono stati resi disponibili per il legittimo proprietario.