Superbonus 110%, Confindustria non ci sta: “Commesso un grave errore”

Superbonus 110%, arriva l’attacco di Confindustria che commenta le indiscrezioni che arrivano dal PNRR e le strategie adottate dal governo

superbonus confindustria
Pixabay

In queste ore il governo Draghi è impegnato su più tavoli per porre dei rimedi a quella che appare la crisi economica più drammatica dal dopoguerra ad oggi. Infatti da un anno a questa parte il paese si ritrova a fronteggiare l’emergenza massima, che si tenta di arginare con le riaperture e le zone gialle nonostante i numeri ancora alti in quanto a decessi e contagi. Il bollettino del 23 aprile infatti ha fatto emergere ancora dei dati non proprio rassicuranti.

Sono stati 342 i decessi mentre i positivi dalle regioni sono arrivati a quasi 15mila. Il governo di trova in mezzo ai due fuochi, con decisioni politiche da adottare anche a fronte di una situazione sanitaria che senza un accelerazione della campagna vaccinale non avrà mai una fine.

Leggi anche: Il Milan assume: posizioni aperte nel club rossonero. Il profilo ricercato

Nelle scorse ore c’è stato un duro attacco all’esecutivo che è arrivato da Confindustria. Che nella persona del Vice Presidente per il credito, Emanuele Orsini, ha preso posizione per quel che riguarda il Superbonus 110%. Una misura attesa e studiata per dare importanti agevolazioni alle famiglie in questo momento critico.

Superbonus 110%, le dure parole di Orsini

Superbonus confindustria
Pixabay

Il Vice Presidente di Confindustria ha espresso le sue perplessità in merito alla decisione di non prorogare la misura del Superbonus 110%. Proprio in merito alle indiscrezioni che circolano sul PNRR pare che questa possibilità per le famiglie non possa trovare agevolazioni fino al dicembre del 2023. Per Orsini si tratta di una possibilità persa per trainare l’economia del settore anche in chiave occupazionale.

Se confermata questa volontà, non ci sarebbe infatti possibilità di avere una proroga, come invece si sperava. Per il Vice Presidente la proroga si rende assolutamente necessaria, ed il governo dovrebbe prendere atto dell’errore che si commetterebbe con il mancato rinnovo.

Leggi anche: Netflix, quando esce la Casa di Carta 5: svelata la data ufficiale

Anche perché grazie al Superbonus 110% si arriverebbe all’obiettivo di transizione ecologica che il paese aspetta da tempo. Obiettivo che anche il PNRR ha come obiettivo.