Povertà educativa nel Lazio, i numeri nel report di Osservatorio #Conibambini

#Conibambini ha diffuso i dati dell’ultimo report relativo alla povertà educativa nella regione Lazio. Il report è frutto della collaborazione tra l’Impresa Sociale Con i Bambini e la Fondazione Openpolis nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Povertà educativa nel Lazio, i numeri nel report di Osservatorio #Conibambini
Povertà educativa nel Lazio, i numeri nel report di Osservatorio #Conibambini (foto: pixabay)

Focus sulla povertà educativa nel Lazio con il report di Osservatorio #conibambini prodotto in collaborazione con Fondazione Openpolis. Gli aspetti analizzati riguardano: offerta di asili nido, scuole raggiungibili con mezzi pubblici, disuguaglianze digitali, abbandono scolastico.

Ci sono quindi tutti gli aspetti principali che concorrono a creare un’esperienza scolastica per studenti più o meno grandi. I dati forniti dal report di osservatorio #conibambini servono quindi a inquadrare la regione Lazio nell’ambito nazionale.

Leggi anche: Netflix, quando esce la Casa di Carta 5: svelata la data ufficiale

Povertà educativa nel Lazio: numeri incoraggianti ma con varianti

Povertà educativa nel Lazio, i numeri nel report di Osservatorio #Conibambini
Povertà educativa nel Lazio, i numeri nel report di Osservatorio #Conibambini (foto: pixabay)

Il Lazio, per esempio, è all’ottavo posto nella classifica nazionale per offerta di asili nido e addirittura la città metropolitana di Roma supera anche l’obiettivo Ue del 33%. Buona anche la media regionale per quello che riguarda l’abbandono scolastico che nel Lazio si ferma al 11,3% ed è inferiore alla media nazionale del 13,5%. Il report, oltre a fornire una fotografia della regione nel suo complesso esamina anche le province rintracciando alcune disparità.

Sempre per quello che riguarda i servizi per la prima infanzia, se è vero che nella città metropolitana di Roma si raggiunge il 34,9% è anche vero che invece a Frosinone la percentuale scende drasticamente al 14,8%, quindi inferiore all’obiettivo Ue, ma anche alla media nazionale che è al 24,9%.

L’aspetto della raggiungibilità delle scuole utilizzando un mezzo pubblico mostra una situazione generalmente positiva ma con diversità da provincia a provincia. Nel Lazio, la percentuale totale di scuole raggiungibili con un mezzo pubblico, i dati sono del 2018, è al 84,5%. La provincia in cui questa percentuale è a livello più alto è quella di Rieti dove praticamente tutte le scuole sono raggiungibili utilizzando un mezzo pubblico, la percentuale è Infatti al 95,1%. Al secondo posto ci sono Latina e Frosinone che superano ampiamente il 90%. Roma, invece, si trova sotto il 90% e si ferma allo 83,11%. Ultima Viterbo in cui solo il 57% di scuole è raggiungibile.

Leggi anche: Elisa Isoardi lascia la Rai: per la conduttrice arriva il contratto da sogno

Nella disuguaglianza digitale si scopre invece che per esempio nella città metropolitana di Roma oltre la metà delle famiglie ha una rete fissa con velocità di download superiore ai 100 mbps. Tutte le altre province, invece, si trovano sotto questa percentuale. Latina è ferma al 29,3%, Rieti e Viterbo sono entrambi sotto il 20% e Frosinone chiude la classifica non raggiungendo neanche il 10%. La media nazionale di questo dato è il 36,8%.

Per quanto riguarda l’abbandono scolastico la media regionale del Lazio è inferiore alla media nazionale anche se ci sono due province, Frosinone e Rieti, in cui il fenomeno incide maggiormente.