Positivo al Covid, esce senza mascherina per un Gratta e Vinci: denunciato 

Gratta e Vinci tentatore: un uomo è stato fermato dalle forze dell’ordine mentre tentava, senza mascherina, di esaudire un suo “desiderio”

Voglia di Gratta e Vinci
Pixabay

Nei giorni caratterizzati dall’emergenza Coronavirus l’Italia si divide tra la voglia di ripartire e speranza nel gioco. Infatti sono tanti i concorsi a premio che stanno facendo registrare vincite clamorose sia con Gratta e Vinci che con il Lotto ed il Superenalotto. Nel rispetto delle norme anti Covid gli italiani stanno attendendo l’arrivo delle zone gialle per gran parte dell’Italia.

Ci sarà tanto da stare attenti ancora perché i dati dei bollettini dal ministero della Salute non consentono voli ottimistici. In attesa di una campagna vaccinale di massa che ci possa portare verso una lenta normalità, c’è da dire che gli italiani si stanno comportando abbastanza bene anche se purtroppo non mancano le eccezioni.

Leggi anche: Ufficiale: addio alla Quota 100. Il Governo Draghi conferma il termine al 2021

Gioco e voglia di evadere dalla quarantena, fatale la voglia di un Gratta e Vinci per un uomo residente nel Lazio. Che ha commesso una grave infrazione violando l’isolamento a seguito della sua positività al tampone.

Voglia di Gratta e Vinci: esce da casa me è positivo

La voglia di gioco e di Gratta e Vinci è stata fatale ad un uomo residente nella provincia di Frosinone. Che preso dalla voglia di puntare una somma di danaro su un biglietto vincente non ha dato peso alla sua positività. In casa da qualche giorno da asintomatico a seguito del risultato del tampone, ha pensato bene di uscire di casa per tentare la fortuna. Non dando ascolto a parenti e familiari che non sono riusciti a trattenerlo.

Proprio i familiari hanno allertato le forze dell’ordine che hanno individuato e fermato l’uomo che camminava per strada liberamente e senza mascherina. Bloccato e denunciato per violazione delle norme anti Covid, l’uomo è stato riportato nella sua abitazione dai sanitari del 118.

Leggi anche: Il coprifuoco resta alle 22.00: “Ma non fino al 31 luglio”. Le ipotesi

Il personale medico, munito di dispositivi anti contagio, è stato riaccompagnato a casa, mentre l’unità mobile che lo ha trasportato è stata prontamente sanificata.