Superbonus, la filiera chiede risposte concrete al Governo

Il Superbonus è una misura di sostegno all’economia e al settore dell’edilizia estremamente importante. Ci sono novità per quanto concerne la proroga. La filiera dell’edilizia ha chiesto risposte concrete all’esecutivo.

Superbonus
Pixabay

Il Governo ha messo a disposizione degli italiani il cosiddetto Superbonus 110%la maxi-detrazione sulle spese per i lavori di miglioramento energetico degli edifici. L’obiettivo è quello di rilanciare il settore dell’edilizia, di accrescere la qualità degli immobili del nostro paese, il tutto senza richiedere sforzi economici ai cittadini. Anche perchè l’Italia sta soffrendo in maniera drammatica le conseguenze dell’emergenza sanitaria.

Quello dell’edilizia è uno dei settori maggiormente colpiti. Un rallentamento legato alle varie problematiche economiche che le famiglie italiane hanno dovuto affrontare negli ultimi mesi. Ecco perchè questo diventa uno strumento importante sia per chi deve effettuare degli interventi di efficientamento per la propria abitazione sia per le varie ditte che in questo modo hanno la possibilità di lavorare.

Leggi anche: Quadro di Leonardo da Vinci acquistato per 450 milioni: poi la brutta sorpresa

Superbonus, novità sulla proroga?

superbonus 110
Bonus edilizia (Foto Pixabay)

Dopo alcune settimane di incertezza e di possibili cancellazioni, arriva la richiesta al Governo della conferma della proroga del Superbonus. Ricordiamo che tale detrazione fiscale del 110% riguarda tutti quegli interventi di efficientamento energetico e messa in sicurezza sismica degli edifici.

Attraverso una nota l’esecutivo dieci sigle facenti parte della filiera dell’edilizia hanno chiesto al Governo di sgomberare il campo dalle ipotesi circolate negli ultimi giorni di ridimensionamento della misura. “Gli interventi del Superbonus 110% stanno finalmente iniziando a partire, per questo occorre dare certezza alla misura ed evitare brusche frenate“, si legge nella nota.

Leggi anche: Gratta e Vinci: colpo sensazionale con soli 3 euro. Ecco dove

A firmare la richiesta al Governo di chiarimenti sono stati: Ance, Federcostruzioni, Anaci, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, ISI Associazione Ingegneria Sismica Italiana, Consiglio Nazionale dei Geologi, Consiglio Nazionale dei Geometri, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Consiglio Nazionale Periti Industriali, Oice.