Allarme phishing, INPS mette in guardia dalla mail con finto modulo

INPS mette in guardia da una campagna di phishing attualmente in esecuzione da parte di malintenzionati che ha come oggetto una finta comunicazione da parte dell’Istituto di previdenza.

Allarme phishing, INPS mette in guardia dalla mail con finto modulo
Allarme phishing, INPS mette in guardia dalla mail con finto modulo (foto: pixabay)

Il phishing segnalato dall’INPS avviene tramite un documento da compilare e rispedire a un indirizzo mail che, ovviamente, non appartiene al dominio dell’INPS.

Attenzione alla finta comunicazione da parte di un sedicente indirizzo di posta certificata dell’INPS. Si tratta, come avverte lo stesso Istituto di previdenza, di un tentativo di phishing volto quindi a raccogliere indebitamente i dati personali degli utenti e i dati relativi a Conti bancari e carte di credito.

Leggi anche: Assegno unico, ecco gli importi mensili per le famiglie

Il subdolo phishing con la finta mail INPS

Allarme phishing, INPS mette in guardia dalla mail con finto modulo
Allarme phishing, INPS mette in guardia dalla mail con finto modulo (foto: pixabay)

L’allarme è arrivato direttamente dall’Istituto di previdenza che ha avvisato gli utenti del tentativo di truffa tramite phishing al momento ancora in atto. L’attività fraudolenta viene portata avanti dai malintenzionati attraverso una finta comunicazione che millanta di provenire dall’INPS stessa.

La comunicazione utilizza un finto indirizzo di posta certificata che, a un occhio poco attento, può risultare simile a quelli realmente in uso dall’INPS. In realtà si tratta di una email creata dai truffatori appositamente per i loro scopi illegali alla quale è allegato un documento che è stato redatto appositamente perché gli ignari utenti vi inseriscano i propri dati personali e i dati del proprio conto bancario o carta di credito o conto postale.

Il testo dell’email, poi, invita a rispedire il documento così compilato per poter usufruire di inesistenti benefici che dovrebbero “mitigare i disagi economici causati dalla pandemia”, come spiegato direttamente dall’INPS. A completare l’opera di falsificazione c’è anche la firma di un funzionario che realmente lavora per l’INPS, ma che è chiaramente estraneo a tutta la vicenda.

Leggi anche: “Un’opera scellerata ed ecocida”, scontri in Val Di Susa per la costruzione del nuovo autoporto

L’Istituto di previdenza, quindi, mettendo in guardia da questa truffa che arriva nella casella di posta elettronica, ricorda anche che le comunicazioni con l’INPS avvengono solo sul sito ufficiale www.inps.it e che l’INPS non invia mai comunicazioni via mail né tantomeno invia con questo sistema documenti da compilare e rispedire.