Bonus 2.400 euro, bisogna presentare la richiesta entro il 30 aprile

Una nuova circolare dell’INPS informa su chi ha diritto al bonus di 2400  euro che si potrà richiedere entro il 30 aprile di quest’anno

 

(Pixabay)

Preme sull’acceleratore la macchina statale per gli aiuti economici, il dl. Sostegni è in pieno stato di attuazione ma molti, ritengono ancora gli aiuti insufficienti.

Nello specifico una nuova circolare dell’Inps, il Messaggio n°1452 del 08/04/2021 chiarisce le regole per la richiesta e l’erogazione dei 2.400 euro previsti come bonus una tantum per quelli che più hanno subito le conseguenze economiche della pandemia da Covid-19.

In questi giorni infatti sono arrivati i primi i primi indennizzi la cui richiesta è stata fatta precedentemente. Ne sono stati previsti 235.509 per un importo totale di circa 565 milioni di euro.

Una nuova circolare dell’Inps però informa che alcune fasce di contribuenti posso ancora richiedere il bonus una tantum.

Leggi anche: Ristori, bonus partiti per stagionali e lavoratori dello spettacolo 

Bonus 2.400 euro, è possibile fare richiesta entro il 30 aprile

(Pixabay)

La scadenza per la richiesta è fissata tra due settimane, precisamente entro il 30 aprile.

Le categorie di lavoratori che hanno diritto all’indennizzo sono

  • I lavoratori  del settore turistico e degli stabilimenti termali
  • I lavoratori dello spettacolo
  • I dipendenti stagionali
  • I lavoratori autonomi occasionali
  • I lavoratori intermittenti
  • Gli incaricati alle vendite a domicilio

Il lavoratore che richiede l’indennizzo deve aver lavorato almeno per 30 giorni in uno dei settori suddetti. Il periodo di lavoro deve essere compreso tra il 1 gennaio 2019 e l’entrata in vigore del DL Sostegni ovvero il 23/03/2021.

La domanda come detto sopra dovrà essere presentata entro il 30 aprile 2021 e per ottenere l’accredito bisognerà aspettare almeno metà maggio

Leggi anche: Bonus collaboratori sportivi: aiuti da 1.200 a 3.600 euro

L’auspicio è che aziende e privati riescano a stringere i denti ancora per un pò, soprattutto in vista di un’estate che trasmette ancora tanta incertezza ma che accoglie già le speranze di tutti.