Covid, una “parte” d’Italia riapre: fine della crisi, riparte l’economia

Covid, c’è “una parte” dell’Italia che oggi riparte: negozi ed attività commerciali ricominciano prima di tutti. E l’economia torna a girare

Ripartenza post Covid
Gente in strada (Pixabay)

C’è una parte dell’Italia che da stamattina è pronta a ripartire. Rimettendo in piedi l’economia con aperture di bar e ristoranti, ma anche di negozi parrucchieri. Gradualmente sparirà anche in coprifuoco. No, non è un sogno, ma pura realtà. La fine di un incubo che è durato da oltre un anno e che ha generato paure ansie e purtroppo anche contagi e morti.

Nei mesi che ci porteranno verso l’estate che si spera possa portare alla “liberazione” di tutta l’Italia, andiamo a scoprire di quale paese si tratta. E soprattutto capire come si è arrivati prima di tutti a questo felice epilogo che tutti noi vorremmo poter vivere al più presto.

Leggi anche: Bonus Regioni in arrivo, ecco a chi spetta e come richiederlo

Partiamo con il confermare che alla base di questa ripresa c’è una capillare opera di vaccinazione messa in campo da questo paese efficiente in modo rapido e preciso. Anche nella scelta della provenienza dello stesso, che qualche mese fa avrebbe fatto storcere il naso a tante persone.

Covid, una “parte” d’Italia uscita dalla crisi

Ripartenza post Covid
Gente in strada (Pixabay)

Stamattina saracinesche alzate di tutte le attività commerciali. Senza lockdown e zone rosse. Dove? Parliamo della Repubblica di San Marino che ha emanato un decreto che resterà in vigore fino a maggio. Coprifuoco in vigore fino alle 22 poi tra una settimana a mezzanotte. Ma dal 26 aprile questa restrizione scomparirà del tutto.

Nessuna limitazione, solo mascherina consigliabile nei luoghi affollati, ma ristoranti aperti anche a cena. Scuole aperte e centri commerciali open anche nei fine settimana. solo le palestre apriranno il 19. Come è stato possibile tutto questo? Semplice, come abbiamo accennato sopra il gran merito va ai vaccini.

Leggi anche: Offerte Expert, elettrodomestici con sconti incredibili

Il piccolo paese ha deciso da tempo di adottare il russo Sputnik, con le 37mila dosi per i maggiorenni che garantiscono aperture e normalità. Entro maggio tutti i sammarinesi saranno immunizzati con entrambe le dosi. Una notizia che fa ben sperare anche il resto d’Italia. Che come San Marino ha fretta di rimettere in moto l’economia del paese.