Ristori, bonus partiti per stagionali e lavoratori dello spettacolo 

Sono partiti i bonus previsti per aiutare i lavoratori dell’ambito turistico e quelli dello spettacolo.

(Pixabay)

Non solo cattive notizie, questa volta il portafogli può tirare un piccolo sospiro di sollievo. Sono partiti, infatti, i bonus previsti per i lavoratori che stanno già ricevendo gli aiuti dei precedenti decreti Rilancio e Ristori.

In particolare i lavoratori del settore turistico e di quello dello spettacolo stanno ricevendo l’indennità di 2400 euro prevista dal governo come aiuto per fronteggiare la crisi economica e occupazionale dovuta al Covid-19. In questi giorni infatti sono arrivati i primi i primi indennizzi. Ne sono stati previsti 235.509 per un importo totale di circa 565 milioni di euro.

I sostegni, come si rende noto da un messaggio del direttore generale dell’INPS Gabriella Di Michele, sono rivolti a tutti quei lavoratori che, a causa della pandemia ancora in corso, si sono trovati senza lavoro ma non per quei lavoratori che abbiano deciso autonomamente il licenziamento.

Leggi anche: Bonus vacanza, come recuperare il 20% con la dichiarazione dei redditi

Partiti i bonus, 2400 euro per i lavoratori del turismo e dello spettacolo

(Pixabay)

Il lavoratore che richiede l’indennizzo deve aver lavorato almeno per 30 giorni in uno dei settori suddetti. Il periodo di lavoro deve essere compreso tra il 1 gennaio 2019 e l’entrata in vigore del DL Sostegni ovvero il 23/03/2021.

Nello specifico le categorie interessate sono i lavoratori stagionali, quelli dei settori del turismo, lavoratori autonomi occasionali, i lavoratori intermittenti,  e infine i lavoratori incaricati alle vendite a domicilio.

Per chi deve ancora fare domanda si ricorda che è necessario inoltrarla entro il 30 aprile 2021 dopodichè per ottenere l’accredito bisognerà aspettare metà maggio.

Leggi anche: Bonus assunzioni donne, i chiarimenti sull’esonero contributivo al 100%

Con la campagna vaccinale in corso la prospettiva di una estate più serena è meno lontana, la speranza però è che questa serenità significhi poter ritornare a lavoro per tutte e tutti i cittadini italiani in difficoltà.