Richiamo alimentare, trovate tracce di Salmonella in questo lotto di salumi

Richiamo alimentare per un lotto di un salume nel quale sono stati riscontrate tracce di Salmonella. Scopriamo di quale si tratta.

Foto (Pixabay)

Richiamo alimentare per tracce di Salmonella da parte del Ministero della Salute per il lotto di un salume. Ricordiamo che tra i vari compiti ai quali deve assolvere il Ministero, infatti, c’è anche quello di controllo della qualità dei prodotti che vengono messi in commercio. Nel dettaglio l’organismo diretto in questo momento da Roberto Speranza, ha deciso di ritirare dal commercio il ‘Pepe Nero, salame di cinghiale’

Nel dettaglio si tratta del lotto numero 61104910 prodotto da Renzini Spa. Dalle analisi effettuati sul prodotto in questione è stata riscontrata la presenza di Salmonella del Gruppo C1. Il Ministero ha anche richiesto invitato i clienti che hanno acquistato questo lotto di riportarlo presso i punti vendita.

Leggi anche: Richiamo alimentare, allerta Ministero Salute: prodotto ritirato immediatamente

Ritirato salame di cinghiale: le motivazioni

Foto (Pixabay)

La decisione del Ministero della salute, come detto, è legata al fatto che all’interno di un lotto del prodotto ‘Pepe Nero, salame di cinghiale’ è stata riscontrata la presenza di salmonella. Si tratta di un batterio caratterizzato da bacilli Gram-negativi, asporigeni e anaerobi facoltativi. Possono essere riscontrate come parassiti nell’intestino degli animali e dell’uomo. Può provocare, se non trattata in maniera tempestiva, diversi tipi di infezioni alcuni anche molto gravi tanto da arrivare alla setticemia.

Si consiglia a tutti gli utenti che hanno acquistato il prodotto di verificare il numero di lotto. Nel caso in cui fosse il seguente: 61104910 è necessario riportarlo ai punti vendita per evitare rischi per la salute.

Leggi anche: Ritirato lotto di questo salume: trovate tracce di Salmonella

In queste circostanze è estremamente importante la collaborazione da parte dei cittadini. In caso di dubbi o perplessità, così come è accaduto in questa circostanza, è fondamentale fare tutte le segnalazioni del caso. Poi spetterà, ovviamente, al Ministero della Salute fare tutti gli accertamenti del caso.