Bonus cashback confermato in Senato, ecco cosa cambia per il 2021

Il Senato ha confermato il bonus cashback, respingendo la mozione di Fratelli d’Italia. Scopriamo cosa cambia per il 2021.

Bonus Cashback
Pixabay

Si è discusso per settimane sulla possibile cancellazione o rimodulazione del bonus cashback. Nei giorni scorsi è stata presentata la mozione di Fratelli d’Italia per eliminare il programma che prevede un rimborso del 10% per quanto concerne gli acquisti effettuati con carta di credito e app, fino ad un massimo di 150 euro. Il premio previsto, per i primi 100.000 utenti che avranno diritto al rimborso, sarà di ben 1.500 euro.

La richiesta di Fratelli d’Italia era di sospendere il bonus e destinare le somme a disposizione per sostenere la ripresa delle categorie commerciali più colpite dalle misure anti Covid. Questo è un periodo estremamente complicato per l’Italia anche a livello economico. L’emergenza epidemiologica ha avuto una forte ripercussione anche sui settori produttivi e, almeno per il momento, la ripartenza stenta a decollare anche a causa della continua crescita del numero di positivi.

Leggi anche: PostePay lancia l’offerta col cashback: come funziona

Bonus Cashback: novità per il 2021

cashback
(pixabay)

La situazione legata al bonus cashback ha letteralmente spaccato la classe politica italiana. Da una parte il governo che ha sostenuto fermamente la decisione di proseguire con questa iniziativa, dall’altra il centrodestra e Italia viva di Matteo Renzi determinati alla cancellazione.

Molto dura la presa di posizione della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che ha commentato così quanto accaduto in parlamento: “La maggioranza Draghi non sente ragioni: fa cadere nel vuoto l’appello di Fratelli d’Italia e in Senato vota contro la nostra mozione per destinare ai ristori i 5 miliardi del cashback“.

Leggi anche: Cashback, aumenta il budget annuale per gli utenti?

Il viceministro dell’economia Castelli, invece, difende a spada tratta la misura. “Sono 23 i miliardi che si stimano in termini di maggiori consumi nel biennio, sulla base dei numeri prodotti da quando esiste il cashback. Nove i miliardi di maggiore gettito da oggi al 2025. È una misura che si autofinanzia“.