Alitalia, ecco i ristori Covid: pagati il 50% dell’ultimo stipendio

Alitalia, sono arrivati i ristori che hanno permesso il pagamento al completo dell’ultimo stipendio. Ma nel frattempo i licenziamenti continuano e le proteste non si placano 

Crisi Coronavirus
Atterraggio aereo (Foto Pixabay)

Piccola e momentanea boccata d’ossigeno per Alitalia: per l’azienda, infatti, sono arrivati gli attesissimi ristori Covid. Questi permetteranno il pagamento del restante 50% per quanto riguarda gli stipendi di marzo. A riferirlo sono stati direttamente i commissari con la seguente comunicazione interna ai vari dipendenti: “A seguito dell’accredito dei ristori ottenuti dalla Commissione europea, ora siamo in grado di procedere col pagamento del restante 50& del mese scorso che riceverete con valuta 8 aprile”, si legge nella comunicazione.

Leggi anche: Bonus Inps, 2.400 euro per i lavoratori stagionali. Ecco le date di pagamento

Alitalia, arrivano i ristori ma le polemiche non si fermano 

Crisi Coronavirus
Aeroporto vuoto (Foto Pixabay)

Nel frattempo, però, continuano le polemiche per l’ondata di licenziamenti che non sta risparmiando nessuno in questo periodo. Dopo le proteste di delle scorse settimane, ieri c’è stato un nuovo segnale importante con circa 300 lavoratori che hanno manifestato all’aeroporto di Fiumicino con un appello a Draghi: “I lavoratori di Alitalia chiedono al Premier una risposta, un intervento autorevole che sia in linea con l’autorevolezza che il Parlamento ha riconosciuto al Premier Italiano. Se il presidente c’è, batta un colpo”, ha riferito Fanco Zorzo, presidente di Naca piloti Alitalia.

Il rappresentante ha anche evidenziato comei dipendenti abbiano ormai fatto tutto il possibile da parte loro, con innumerevoli sacrifici annessi, e come invece l’Esecutivo si prepara ad allestire un ulteriore “bagno di licenziamenti”. Sono due in particolare le notizie che fanno infuriare chi purtroppo si ritrova parte lesa in questa vicenda: il silenzio del Premier da una parte, l’ok della Commissione Europea per un investimento del governo francese da 4 miliardi di euro per ricapitalizzare Air France dall’altra.