Sky senza Serie A: l’annuncio dell’azienda sui prezzi per gli abbonamenti

Sky senza serie A: l’azienda ha preso una decisione importante in merito ai prezzi per la prossima stagione. La reazione degli abbonati

Costi Sky
Tifoso guarda una partita in tv (Foto Pixabay)

Dalla notizia dell’assegnazione dei diritti televisivi sulla serie A a Dazn a partire dalla prossima stagione, tante sono state le proteste da parte degli abbonati Sky. Il motivo è semplice: in passato sono stati sottoscritti dei contratti con l’azienda fondata da Rupert Murdoch che prevedevano la visione quasi esclusiva del nostro campionato, cosa che appunto non avverrà più dalla prossima stagione.

Come ha reagito lo storico gruppo che da anni è stato leader incontrastato per la diffusione di competizioni sportive in televisione nel nostro paese? Di sicuro non bene, anche se l’assegnazione a Dazn dei diritti è stata una sorpresa per tutti. In una intervista a La Repubblica, l’Amministratore di Sky Italia Maximo Ibarra ha spiegato sia i motivi che hanno portato alla perdita della serie A.

Leggi anche: Svegliati amore mio, la fabbrica degli errori esiste davvero: ecco dov’è

Ma anche le strategie di mercato che la sua azienda intende perseguire nei prossimi mesi. A partire da una diversa politica dei prezzi. Ibarra ha spiegato in primo luogo che era stata fatta un offerta importante alla Lega prendendo in considerazione anche un canale dedicato. Possibilità che non è stata mai presa in considerazione.

Sky senza serie A: come cambiano i prezzi per gli abbonati?

Costo Sky
Stadio pieno (Foto Pixabay)

Sky senza serie A, parla l’azienda sulla politica dei prezzi. Ibarra ha spiegato che la sua azienda non si è potuta spingere oltre una certa cifra anche perché impossibilitata ad acquisire i diritti sulla massima serie in esclusiva. Ma come spiegare adesso ai clienti che non potranno vedere le gare di campionato?

Ibarra ha spiegato che la decisione dell’azienda è chiara e netta. Avendo perso un pilastro del calcio italiano, di conseguenza si dovranno rivedere verso il basso i prezzi concordati con i clienti. Andando a tagliare la quota di abbonamento prevista per il campionato.

Leggi anche: Documento unico di circolazione, chiesta nuova proroga: le ultime 

Fermo restando che tutte le competizioni europee – Champions League ed Europa League – rimarranno a Sky. Con almeno 4 competitor sul mercato, ad essere confusi e spiazzati ovviamente sono i consumatori.