Stop Cassa integrazione: cosa sta accadendo. Le ultime novità

Brutta notizia per milioni di lavoratori. Ci sarà uno stop alla Cassa integrazione, fortunatamente si tratta di una situazione temporanea.

Reddito di cittadinanza
Banconote (Foto Pixabay)

Il Decreto Sostegni ha imposto il prolungamento della cassa integrazione e il blocco dei licenziamenti. Purtroppo, in maniera indiretta, per questa scelta saranno circa 6 i milioni di lavoratori che resteranno senza l’ammortizzatore sociale, fortunatamente per un periodo estremamente limitato di tempo.

La CIG consiste in una prestazione economica, erogata dall’INPS o dalle casse private, a favore dei lavoratori sospesi dall’obbligo di eseguire la prestazione lavorativa o per dipendenti a orario ridotto. Purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria sono tantissimi gli italiani che si trovano in questa situazione, senza una via d’uscita almeno nel breve periodo. Sin dall’inizio dell’emergenza Covid il Governo ha riposto massima attenzione verso questa categoria di lavoratori, prorogando in diverse occasioni la valenza della misura.

Leggi anche: Naspi, alcuni casi in cui l’INPS può richiedere la restituzione dei soldi

Stop Cassa integrazione: cosa sta accadendo

Reddito di Cittadinanza
Pixabay

Come detto in precedenza, il Governo Draghi ha inserito nel nuovo Decreto Sostegni il prolungamento della cassa integrazione e il blocco dei licenziamenti. Purtroppo questa scelta ha provocato una sorta di buco per il periodo compreso tra il 25 marzo al 1° aprile. I lavoratori, quindi, resteranno senza ammortizzatore sociale per una settimana.

Un vuoto legislativo che, almeno per il momento e vista i ridottissimi tempi per porre rimedio, rischia di rimanere tale. I giorni dal 25 marzo al 1° aprile, per quanto concerne la Cassa integrazione, non sono coperti né dalla legge di bilancio e tantomeno dal Decreto Ristori.

Leggi anche: Bonus Covid, si possono richiedere nuovi contributi

Una situazione certamente molto poco piacevole per i cittadini che devono stanno ricorrendo a questo ammortizzatore. Fortunatamente si tratta di pochi giorni anche se le famiglie in questione saranno costretti a stringere i denti in attesa dell’inizio del nuovo periodo coperto dalla Cassa integrazione.