Decreto Sostegni: nuovo sconto sulle bollette. A quanto ammonta e chi ne ha diritto

Sconto bollette del 30%. E’ questa delle misure inserite dal Governo Draghi nel nuovo Decreto Sostegni.

bolletta
(pixabay)

Tra i provvedimenti del nuovo Decreto Sostegni è stato inserite anche uno sconto bollette del 30%. Una misura estremamente interessante e che farà la gioia di tutti coloro i quali ne potranno usufruire. L’esecutivo sta portando avanti serie di misure atte a sostenere il tessuto produttivo e commerciale del nostro paese, che a causa della pandemia sta vivendo una stagione di grave difficoltà.

Andare a tagliare il costo dei servizi essenziali quali la fornitura elettrica è segnale importante, oltre che rappresentare un risparmio per il consumatore. Comprensibilmente non tutti potranno usufruire di questa forma di incentivo. Il governo ha stanziato 600 milioni di euro per tagliare le bollette elettriche e il canone Rai per negozi, locali ed altre attività.

Leggi anche: Amazon, offerta di lavoro in smartworking: i dettagli

Sconto bollette del 30%: a chi spetta

Bollette
Risparmio bollette (Foto Pixabay)

Lo sconto bollette riguarderà le attività commerciali con una riduzione dei costi per la fornitura di energia elettrica. La durata di tale provvedimento sarà di tre mesi, dal 1° aprile al 30 giugno. “l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente dispone, con propri provvedimenti, la riduzione delle spese sostenute dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione, diverse dagli usi domestici“.

Nel dettaglio il nuovo Decreto Sostegni prevede un risparmio che sarà parametrato al valore vigente nel primo trimestre dell’anno, delle componenti tariffarie fisse applicate per punto di prelievo.

Leggi anche: Decreto Sostegni: cambiano i requisiti per la Naspi

Per quanto concerne le utenze superiore a 3,3 kW, la spesa effettiva relativa alle due voci della bolletta indicate non superi quella che, in vigenza delle tariffe applicate nel primo trimestre dell’anno, si otterrebbe assumendo un volume di energia prelevata pari a quello effettivamente registrato e un livello di potenza impegnata fissato convenzionalmente pari a 3 kW.