Decreto Sostegni, nuova proroga del termine per il pagamento delle cartelle esattoriali

Tra le tante novità introdotte dal Decreto Sostegni, arriva anche la proroga del termine per il pagamento delle cartelle esattoriali.

Cartelle esattoriali
Pixabay

Il Decreto Sostegni ha già portato e continuerà col corso delle settimane a modificare le nostre abitudini finanziarie. Non solo bonus e incentivi per dare fiato all’economia italiana in grave difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria ma anche misure di contenimento della pressione fiscale.

Ricordiamo, ad esempio, che il Governo Draghi ha cancellato tutti i debiti con lo stato per quanto concerne le cartelle esattoriali fino ad un importo di 5.000 euro per il periodo compreso tra il 2000 e il 2010 compreso. Il provvedimento sarà limitato ai cittadini che avranno una fascia di reddito inferiore ai 30mila euro.

Leggi anche: Cartelle esattoriali stralciate, in arrivo il nuovo condono del governo Draghi

Decreto Sostegni, proroga pagamento cartelle

Cartelle esattoriali
(Pixabay)

Tra le varie misure contenute nel Decreto Sostegni, il Governo ha rinviato la scadenza delle cartelle esattoriali. Nello specifico quelle concernenti il periodo dall’8 marzo 2020 fino al 30 aprile 2021 possono essere pagate entro il 31 maggio 2021. Per quanto concerne il versamento delle rate 2020 può essere effettuato entro il nuovo termine del 31 luglio 2021; invece, per le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021 c’è tempo fino al 30 novembre 2021.

Si tratta di una serie di misure estremamente importanti per le famiglie italiane. In questo modo sarà ridotta la pressioni fiscale in un periodo di grave difficoltà economica. Per quanto concerne le entrate tributarie e non tributarie, come detto, la scadenza è stata spostata al 30 aprile.

Leggi anche: Decreto Sostegni: cambiano i requisiti per la Naspi

Nel dettaglio la misura sopracitata riguarda cartelle di pagamento emesse dagli agenti di riscossione, accertamenti esecutivi dell’Agenzia delle entrate e avvisi di addebito emessi dall’INPS. In un quadro estremamente complesso come quello economico italiano, non possono che essere accolte con favore le introduzioni proposte dal Decreto Sostegni.