Ritirato lotto di questo salume: trovate tracce di Salmonella

Il Ministero della Salute ha ritirato lotto di un salume perchè contenente tracce di Salmonella. Una decisione importante a tutela dei cittadini.

Foto (Pixabay)

Il Ministero della Salute ha effettuato un importante richiamo per il lotto di un salume all’interno del quale sono state trovate tracce di Salmonella. Ricordiamo che tra i vari compiti ai quali deve assolvere il Ministero, infatti, c’è anche quello di controllo della qualità dei prodotti che vengono messi in commercio. Proprio nello svolgimento di tale funzione l’organismo, diretto in questo periodo storico da Roberto Speranza, ha deciso di ritirare un lotto salsiccia sfusa.

Il prodotto viene realizzato, secondo quanto riportato dal sito del ministero, in Friuli dall’azienda Salumificio Coletti Pierino & C. Parliamo di una delle produzioni tipiche della provincia di Udine che viene esportata in tutto il paese e conosciuta per la sua qualità, oltre che per il suo sapore unico.

Leggi anche: Ritirato lotto di questo frutto: contiene troppi pesticidi

Ritirato lotto di salsiccia: le motivazioni

Foto (Pixabay)

Il Ministero della salute ha ritirato lotto di salsiccia perchè dalle analisi sono emerse tracce di Salmonella. Si tratta di un batterio caratterizzato da bacilli Gram-negativi, asporigeni e anaerobi facoltativi. Possono essere riscontrate come parassiti nell’intestino degli animali e dell’uomo. Può provocare, se non trattata in maniera tempestiva, diversi tipi di infezioni alcuni anche molto gravi tanto da arrivare alla setticemia.

In maniera preventiva, ovviamente, il Ministero della Salute ha provveduto a bloccare il lotto contaminato. L’invito è quello di non consumare le salsicce del lotto 21072 prodotto dall’azienda Salumificio Coletti Pierino & C.

Leggi anche: Richiamo alimentare, ritirato uno stracchino del bergamasco contaminato

Per limitare al massimo i pericoli per l’incolumità delle persone, è fondamentale che i cittadini, così com’è avvenuto in questo caso, facciano segnalazioni in caso di dubbi e perplessità. Poi spetterà, ovviamente, al Ministero della Salute fare tutti gli accertamenti del caso.