Assegno da 1.200 euro per le famiglie in difficoltà: come ottenerlo 

Assegno da 1.200 euro al mese: ecco l’ultimo intervento introdotto dal Decreto Sostegno per aiutare le famiglie in difficoltà. Ecco i requisiti 

Decreto sostegno
Pixabay

Il reddito di cittadinanza e il reddito di emergenza, considerando i tempi difficili, hanno avuto un ruolo fondamentale nel nuovo Decreto Sostegno: il primo è stato rinforzato con un nuovo investimento da 1 miliardo di euro, il secondo è stato invece prorogato per altre tre mensilità per un totale minimo di 1.200 euro. Ciascuna è caratterizzata da un versamento base di 400€, il quale tuttavia può anche variare e salire in base al numero di componenti in famiglia e altri requisiti.

Assegno da 1.200 euro: i requisiti necessari 

Pixabay

I requisiti per accedere al sussidio sono fondamentalmente quattro: la residenza in Italia, un reddito relativo allo scorso febbraio inferiore all’ammontare del beneficio, un patrimonio mobiliare inferiore ai 15.000 euro così come anche lo stesso modello Isee. Si ricorda, inoltre, che il RdE è incompatibile col reddito di cittadinanza e così con pensione diretta o indiretta a eccezione del solo assegno ordinario di invalidità.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, ecco la data per la ricarica di marzo

La cifra, come detto, è poi variabile. A questa va infatti aggiunta un’equivalenza da 0.4 per ogni maggiorenne nel nucleo familiare e da 0.2 per ogni componente minorenne. Lo schema, dunque, può essere sintetizzato così: 560 euro in caso di nucleo con due adulti, 640 per due adulti e un minorenne e da 720 in presenza di due adulti e due minorenni.

Leggi anche: Naspi, nuova proroga col Dl Sostegno: le ultime

Infine c’è anche un ultimo doppio step: il primo è da 800 euro ed è accessibile in caso di tre adulti e due minorenni nello stesso stato di famiglia, mentre l’altro è di 840 ed è raggiungibile in presenza di tre adulti, di cui uno disabile in maniera grave, e tre minorenni. E’ possibile presentare domanda o attraverso il sito ufficiale dell’Inps o passando per Caf e Patronati.