Bonus collaboratori sportivi: aiuti da 1.200 a 3.600 euro

Il Decreto Sostegno prevede un bonus collaboratori sportivi, con aiuti da 1.200 a 3.600 euro, per sostenere un settore in grave difficoltà.

Bonus collaboratori sportivi
Allenamento (Foto Pixabay)

Tra i vari settori che hanno pagato un prezzo molto alto alla pandemia c’è quello dello sport. Palestre e piscine chiuse per mesi, come anche gli impianti di altre specialità, hanno messo in crisi gestori e operatori del settore. Proprio per cercare di venire incontro alle esigenze di questi cittadini l’esecutivo ha inserito nel nuovo Decreto Sostegno il bonus collaboratori sportivi.

Ricordiamo che già lo scorso anno era stato erogato un contributo unico per cercare di dare una boccata d’ossigeno al settore. In questo nuovo provvedimento, però, viene fatta una distinzione molto importante in tre fasce. In base a queste saranno concessi aiuti che si muoveranno tra un minimo di 1.200 euro e 3.600 euro.

Leggi anche: Luciano Spalletti quanto guadagna? Non solo dal calcio arrivano gli introiti

Bonus collaboratori sportivi: come ottenerlo

Bonus collaboratori sportivi
Allenamento (Foto Pixabay)

Il bonus collaboratori sportivi prevede che possono accedere all’incentivo coloro i quali nel 2019 hanno percepito meno di 4000 euro l’anno, con una quota una tantum di 1200 euro. Chi, nello stesso periodo, rientrerà nella forbice tra 4000 e 10000 euro arriverà a percepire 2400 euro. Mentre chi ha superato i 10000 euro otterrà 3600 euro.

L’obiettivo di tale divisione è quello di cercare di restituire con maggiore equità le perdite subite dagli operatori del settore. Il contributo sarà erogato direttamente, senza bisogno di domande, a tutti coloro che hanno già percepito io bonus nel 2020. Per gli altri si potrà formulare la domanda a Sport e Salute fra il primo e il 15 aprile

Leggi anche: Sport e business: adesso Dazn valuta il digitale terrestre per la Serie A

E’ quasi lapalissiano dirlo ma si tratta di un sostegno fondamentale. Purtroppo anche all’orizzonte non si vedono novità per quanto concerne le attività sportive. La situazione epidemiologica è ancora troppo compromessa per riaprire gli impianti.