Fisco, per Salvini è indispensabile approvare una nuova pace fiscale

Continuano le discussioni sul condono fiscale. Salvini richiede che il saldo e stralcio sia accolto immediatamente.

salvini
(screenshot Instagram)

L’agenzia di stampa Adnkronos riporta le parole di Matteo Salvini sul condono fiscale. “Per la Lega è imprescindibile, ma io direi che per gli italiani è imprescindibile”. Il senatore si riferisce al DL Sostegno, cavallo di battaglia del Governo Draghi. La bozza del decreto dovrebbe prevedere la cancellazione delle cartelle esattoriali inevase fino a 5.000 euro. Fino a che il decreto non verrà approvato dal Consiglio dei Ministri la notizia della pace fiscale resta relegata al campo delle congetture.

Alcune fonti governative non confermano la pace fiscale indiscriminata, ma notizie certe si avranno solo nei prossimi giorni. Nel frattempo le coalizioni politiche ne fanno vessillo ideologico. Quel che è certo è che la questione fiscale deve avere una direzione precisa.

Durante l’emergenza pandemica le cartelle esattoriali sono state sospese, e l’Agenzia delle Entrate dichiara la necessità di fare ordine nel proprio magazzino fiscale, colmo di cartelle inevase.

Leggi anche: Decreto Sostegno, bonus da 3.000 euro per queste categorie

Salvini deciso sulla pace fiscale

salvini
(screenshot Instagram)

Il leader della Lega chiede che ci sia “la rottamazione di decine di milioni di cartelle esattoriali vecchie che sarebbero la morte per milioni di famiglie italiane”.

In un post su facebook del 12 marzo scorso Salvini rende note le richieste del suo partito per il DL Sostegno. L’abolizione dei codici ATECO per l’accesso agli indennizzi; l’innalzamento del tetto di fatturato necessario per ottenere i rimborsi da 5 a 10 milioni di euro; un miliardo in più per la stagione turistica montana; l’innalzamento dell’asticella del condono fiscale a 10.000 euro; il blocco di tutte le cartelle esattoriali fino al 30 aprile.

Leggi anche: Prelievo forzoso Inps, la lettera che sta terrorizzando gli anziani

Il DL Sostegno, tra indiscrezioni e dubbi è ancora ammantato di mistero. Si vedrà se il 19 marzo si scioglierà qualcosa.